Confindustria alza stime di crescita, ma la ripresa sarà lenta e difficile

Confindustria alza stime di crescita, ma la ripresa sarà lenta e difficile
L'Italia è uscita dalla recessione. © Shutterstock

Confindustria si attende ora per quest'anno un aumento del PIL dello 0,8%.

CONDIVIDI

Confindustria è diventata più ottimista sull'economia italiana. Le stime per il PIL - contenute nel Rapporto Scenari Economici presentato oggi a Bologna - sono state riviste al rialzo: +0,8% nel 2015 e +1,4% nel 2016, rispetto ai +0,5% e +1,1% indicati a dicembre.

Il Centro Studi di Confindustria (CSC) avverte tuttavia che nonostante la recessione sia finita, la ripresa sarà lenta e difficile. Il CSC spiega che i venti a favore sono soprattutto esterni e ragioni di fondo e freni straordinari limitano la performance economica dell'Italia.

Nello scenario pesano inoltre due fattori di rischio, che il Rapporto non incorpora: il contagio dalla Grecia e un trend globale più lento. Per il CSC è quindi vitale portare a termine tutte le riforme per accelerare la ripresa e tornare ai livelli di PIL anticrisi. Apri un conto demo GRATUITO e illimitato su IQOption

"Senza riforme i segnali di ripresa rimarranno molto deboli", i posti di lavoro degli ultimi mesi “sono stabilizzazioni dovute al Jobs Act ma, attenzione, se non ritroviamo una ripresa nell’ordine di almeno il 2% non creiamo vera occupazione", ha dichiarato il presidente di Confindustria Giorgio Squinzi sui dati diffusi oggi dal CSC.

Hodly
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro