eToro

La crisi ha fatto crollare gli investimenti, in sette anni persi oltre 109 miliardi

La crisi ha fatto crollare gli investimenti, in sette anni persi oltre 109 miliardi
Gli investimenti sono calati significativamente negli ultimi anni. © iStockPhoto

La CGIA sottolinea che nessun altro indicatore economico ha registrato una contrazione percentuale così ampia.

Gli investimenti sono crollati a causa della crisi. Lo denuncia la CGIA. Secondo i dati elaborati dall’Ufficio studi dell'associazione degli artigiani, tra il 2007 e il 2014 l’ammontare complessivo degli investimenti al netto dell’inflazione è sceso di ben 109,4 miliardi di euro, pari, in termini percentuali, a una diminuzione di 29,7 punti. La CGIA sottolinea che nessun altro indicatore economico ha registrato una contrazione percentuale così ampia.




✅ Conosci il social trading di eToro? Con la funzione CopyTrader™ puoi investire copiando in automatico le strategie dei migliori trader del mondo! — Oggi puoi avere un conto Demo GRATUITO con 100.000€ di credito virtuale >>

I settori che hanno subito i contraccolpi più significativi sono stati quelli relativi ai mezzi di trasporto (autoveicoli, automezzi aziendali, bus, treni, aerei, etc.), in flessione del 43,4 per cento (-10,9
miliardi di euro), i fabbricati non residenziali (capannoni, edifici commerciali, opere pubbliche, etc.), con un calo del 38,6 per cento (-39,1 miliardi) e le abitazioni.

Diversamente, le uniche tipologie di investimenti che non hanno risentito della crisi sono state quelle riconducibili alla ricerca e allo sviluppo (+8,1 per cento) e alle telecomunicazioni (+10,6 per cento). Se nel primo caso l’aumento in termini assoluti è stato pari a 1,5 miliardi di euro, nel secondo caso la variazione positiva è stata di 598 milioni di euro.

L’Amministrazione pubblica è il settore istituzionale che in misura superiore agli altri ha tagliato di più. Sempre nel periodo tra il 2007 e il 2014, la contrazione in termini reali degli investimenti nella Pa è stata del 30,8 per cento. Seguono le famiglie consumatrici (-29,9 per cento), le imprese (29,5 per cento) e le società finanziarie (-23,3 per cento).

La CGIA ricorda che, posto pari a 100 il totale degli investimenti nominali in Italia nel 2014, oltre il 60 per cento era riconducibile alle imprese e un altro 24 per cento circa alle famiglie consumatrici.

Se si analizza quanto è successo negli ultimi decenni, emerge che l’ammontare complessivo degli investimenti fissi lordi dell’anno scorso (259,1 miliardi di euro) è quasi lo stesso che si aveva nel 1995 (264,3 miliardi di euro). "In buona sostanza siamo ritornati allo stesso livello di 20 anni fa", osserva la CGIA.

©RIPRODUZIONE RISERVATA
Broker Caratteristiche Vantaggi Apri Conto Demo
eToro
  • 100% Azioni - 0 Commissioni
  • Licenza: CySEC - FCA - ASIC
  • Social Trading
Piattaforma N.1 al mondo per il Social Trading Prova Gratis eToro opinioni
Capex.com
  • Piattaforma di proprietà e MetaTrader 5
  • Licenza: CySEC
  • Strumenti Intregrati
Broker pluriregolamentato, piattaforme all'avanguardia Prova Gratis Capex.com opinioni
FP Markets
  • 0.0 Spread in pip
  • Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
  • Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
Spread più bassi del settore, a partire da soli 0.0 pip Prova Gratis FP Markets opinioni
AvaTRade
  • Servizio clienti Multi-Lingua
  • App Premiata AvaTradeGo
  • Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
Regolamentazione in 7 giurisdizioni e Spread ultra bassi Prova Gratis AvaTRade opinioni

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Miglior Broker Consigliato