Banca MPS chiude contenzioso con Nomura su derivato Alexandria

Banca MPS chiude contenzioso con Nomura su derivato Alexandria
Il logo di Banca MPS.

L'accordo comporterà per la banca senese uno sconto effettivo di 252 milioni.

CONDIVIDI

Banca MPS (IT0001334587) ha comunicato di aver raggiunto un accordo con Nomura (JP3762600009) per chiudere il loro contenzioso relativo al derivato denominato "Alexandria".

La banca senese indica in una nota che all'esito della transazione l'esborso a suo carico si è ridotto a €359 milioni, rispetto ai €799 milioni dell'eventuale chiusura anticipata secondo una metodologia di pricing condivisa tra le parti. Lo "sconto" ammonta quindi a €440 milioni. Banca MPS ha riconosciuto però a Nomura €188 milioni corrispondenti al ristoro della perdita di funding benefit che il broker giapponese ha subito per effetto della chiusura anticipata dell’operazione. Lo "sconto" effettivo per Banca MPS è quindi di €252 milioni.

Sempre nell’ambito della chiusura, Nomura consegnerà a Banca MPS, a valori di mercato, un portafoglio composto prevalentemente da BTP in asset swap di durata finanziaria medio - lunga, per circa complessivi €2,635 miliardi di valore nominale. La differenza tra il carry del vecchio portafoglio e quello nuovo è positiva per circa €40 milioni annui da oggi in poi. Viceversa l’impatto one-off a conto economico dell’accordo transattivo per Banca MPS è negativo per circa €130 milioni (circa €88 milioni al netto delle imposte). Apri un conto demo GRATUITO e illimitato su IQOption

Sotto il profilo patrimoniale, l’accordo determina, rispetto ai dati al 30 giugno 2015 , un impatto stimato positivo di circa 70 bps in termini di common equity Basilea 3 full application e di circa 56 bps su base transitional. Secondo Banca Mps, infine, l'incremento del patrimonio netto tangibile è di €257 milioni e l'impatto positivo di liquidità è di €500 milioni.

Hodly
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro