Entrate tributarie gennaio-ottobre +3,5%. Bene Irpef e IVA

Nei primi dieci mesi del 2015 le entrate tributarie erariali hanno ammontato 331.674 milioni di euro, in moderata crescita rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso (+11.129 milioni di euro, pari a +3,5%). Lo ha comunicato il Ministero dell’Economia e delle Finanze (http://www.mef.gov.it/).

Il Tesoro indica che, neutralizzando entrate straordinarie del 2014 e tenendo conto degli elementi che hanno determinato l’andamento delle ritenute di lavoro dipendente, le entrate tributarie erariali presentano una crescita tendenziale del +2,2% (+7.096 milioni di euro).

Il gettito complessivo delle imposte dirette è stato pari a 179.482 milioni di euro, con un aumento del 5,6% (+9.573 milioni di euro) rispetto ai primi dieci mesi dello scorso anno. Il gettito delle imposte indirette è aumentato nel periodo dell’1% a 152.192 milioni di euro (+1.556 milioni di euro).

Le imposte dirette

Per quanto riguarda le imposte dirette l’IRPEF hanno registrato una variazione positiva del 6,9% (+8.910 milioni di euro). In crescita anche l’IRES (+195 milioni di euro, pari a +1,1%).

Tra le altre imposte dirette, l’imposta sostitutiva sui redditi da capitale e sulle plusvalenze è aumentata del 61% (+815 milioni di euro) e quella sostitutiva sul valore dell’attivo dei fondi pensione del 92,9% (+533 milioni di euro). L’imposta sostitutiva delle imposte sui redditi nonché ritenute sugli interessi e altri redditi di capitale ha registrato una crescita di 1.052 milioni di euro (+11,8%). L’imposta sulle riserve matematiche del ramo vita assicurazioni presenta una crescita di 210 milioni di euro (+9,9%) per effetto dell’incremento nella raccolta premi nel 2014.

Le imposte indirette

Sul fronte delle imposte indirette il gettito IVA è cresciuto del 3,9% (+3.373 milioni di euro), per effetto dell’andamento complessivamente positivo della componente relativa agli scambi interni e dei versamenti dovuti in base all’applicazione del meccanismo dello “Split Payment” (+5,1%, pari a +3.852 milioni), mentre risulta ancora in calo il gettito registrato dalle importazioni dai Paesi extra-UE (-4,4% pari a -479 milioni di euro).

Le entrate dell’accisa sui prodotti energetici, loro derivati e prodotti analoghi (oli minerali) sono calate di 2 milioni di euro. In flessione anche il gettito dell’accisa sul gas naturale per combustione (gas metano) che ha generato minori entrate per 1.201 milioni di euro (-34,2%).

Le altre entrate

Le entrate relative ai giochi hanno registrato, nel complesso, una crescita dell’1,5% (+147 milioni di euro).

Ha frenato la lotta all’evasione fiscale. Il gettito relativo alle entrate tributarie derivanti dall’attività di accertamento e controllo è sceso dell’1,6% (-110 milioni di euro) rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, a causa dei minori incassi derivanti dai ruoli relativi alle imposte dirette (-6,9%), in parte compensato dall’aumento riscontrato nei ruoli IVA (+9,3%). Non si rilevano variazioni nell’attività di accertamento rispetto all’analogo periodo dell’anno scorso.

Rimani aggiornato con guide e iniziative esclusive per gli iscritti!

Telegram

Migliori Broker Trading

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
Dukascopy
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.

Le ultime news su Borsa Italiana

Copia dai migliori traders

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.