Bankitalia: La ripresa potrebbe rafforzarsi, ma restano rischi significativi

Bankitalia: La ripresa potrebbe rafforzarsi, ma restano rischi significativi
La ripresa in Italia potrebbe rafforzarsi. © Shutterstock

Bankitalia stima che il Pil possa crescere attorno all’1,5 per cento nel 2016 e nel 2017.

CONDIVIDI

La ripresa dell’economia italiana prosegue gradualmente. Lo afferma la Banca d'Italia nel suo ultimo Bollettino Economico.

Via Nazionale indica che alla spinta delle esportazioni, che risentono della debolezza dei mercati extraeuropei, si sta progressivamente sostituendo quella della domanda interna, in particolare per consumi e ricostituzione delle scorte. Al recupero del ciclo manifatturiero si affiancano segnali di espansione nei servizi e, dopo un calo prolungato, di stabilizzazione nelle costruzioni. Le prospettive degli investimenti risentono però dell’incertezza riguardo alla domanda estera. Nel quarto trimestre il PIL dovrebbe essere aumentato in misura analoga a quella del terzo (quando era cresciuto dello 0,2 per cento).

L'occupazione migliora

Nei mesi estivi il numero di occupati ha continuato a crescere, soprattutto tra i giovani e nei servizi; è proseguita la ricomposizione delle assunzioni verso forme contrattuali stabili. Il tasso di disoccupazione è sceso all’11,4 per cento nel bimestre ottobre-novembre, il livello più basso dalla fine del 2012, anche per effetto della riduzione della disoccupazione giovanile, che rimane tuttavia su livelli storicamente elevati. Le attese delle imprese riferite al quadro occupazionale sono cautamente ottimiste.

L'inflazione rimane molto bassa

L’inflazione è scesa in dicembre allo 0,1 per cento sui dodici mesi. Le aspettative di famiglie e imprese prefigurano nei prossimi mesi un modesto recupero della crescita dei prezzi, che rimarrebbe però su livelli contenuti. L’inflazione risente del nuovo calo delle quotazioni dei beni energetici, ma anche del persistere di ampi margini di sottoutilizzo della capacità produttiva, che contribuiscono a mantenere la dinamica di fondo dei prezzi su valori minimi.

La ripresa potrebbe rafforzarsi

Bankitalia stima che il Pil sia aumentato nel 2015 dello 0,8 per cento (0,7 sulla base dei conti trimestrali, che sono corretti per il numero di giorni lavorativi) e potrebbe crescere attorno all’1,5 per cento nel 2016 e nel 2017. L’inflazione dovrebbe salire progressivamente allo 0,3 quest’anno e all’1,2 il prossimo. Apri un conto demo GRATUITO e illimitato su IQOption

Bankitalia sottolinea tuttavia che restano rischi significativi, “tra i quali sono molto rilevanti quelli associati al contesto internazionale, tornati in evidenza nelle ultime settimane: in particolare la possibilità di un rallentamento delle economie emergenti che potrebbe rivelarsi più marcato e duraturo di quanto finora ipotizzato e avere forti ripercussioni sui mercati finanziari e valutari”.

Hodly
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
iqOption