Intesa Sanpaolo raddoppia l’utile nel 2015, vola il dividendo

Intesa Sanpaolo (IT0000072618) ha annunciato di aver chiuso il 2015 con un utile netto contabile di €2,73 miliardi, oltre il doppio rispetto agli €1,25 miliardi del 2014. Escludendo il contributo straordinario per il fondo di risoluzione l’utile si attesterebbe a €2,989 miliardi (+76,9% rispetto al 2014). Si tratta del miglior risultato dal 2007.

I proventi operativi netti sono stati pari a €17,15 miliardi, in aumento dell’1,9% rispetto ai €16,83 miliardi del 2014; se si escludono i contributi al fondo di risoluzione e al fondo di garanzia dei depositi nel 2015, i proventi operativi netti registrano una crescita del 5% rispetto al 2014.

Gli interessi netti sono stati pari a €7,81 miliardi, in diminuzione del 6,5% rispetto al 2014. Le commissioni nette sono cresciute del 10,8% a €7,5 miliardi, le più elevate dalla costituzione della banca stessa. Il risultato dell’attività di negoziazione è balzato di più del 40% a €1,03 miliardi. Le rettifiche nette su crediti sono scese del 27,6% a €3,3 miliardi, toccando i più bassi livelli dal 2010.

Per quanto riguarda i coefficienti patrimoniali il Cet1 si è attestato al 13,1% a regime e al 13% transitorio, leggermente sotto il 13,4% registrato a fine settembre.

Per il 2016 Intesa Sanpaolo prevede una crescita dei proventi operativi netti, favorita dalle commissioni nette e dai crediti verso la clientela, del risultato della gestione operativa, con un continuo cost management, e del risultato corrente al lordo delle imposte, con una riduzione del costo del rischio, nel quadro di una redditività sostenibile. Intesa Sanpaolo ha confermato l’impegno alla distribuzione di tre miliardi di euro di dividendi cash per l’esercizio 2016, indicato nel Piano di Impresa 2014-2017.

Intesa Sanpaolo vuole distribuire per il 2015 ai propri azionisti un monte dividendi cash di quasi €2,4 miliardi, il doppio rispetto all’ammontare distribuito nell’anno precedente. Ai soci sarà dunque proposta una cedola pari a €0,14 per ogni azione ordinaria (€0,07 nel 2014) e a €0,151 per ogni titolo di risparmio (€0,081 nel 2014).

A Piazza Affari il titolo di Intesa Sanpaolo sale al momento dell’1,3%.

Migliori Broker Trading

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
Capex.com
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Piattaforma di proprietà e MetaTrader 5
Licenza: CySEC
Strumenti Intregrati
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Le ultime news su Borsa Italiana

Inizia a fare trade con Avatrade X

Avviso di rischio - Il 67-77% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.