La Borsa di Milano prosegue in netto ribasso

La Borsa di Milano prosegue in netto ribasso
La Borsa di Milano resta in netto ribasso. © Shutterstock

Male Telecom, Eni e Fiat Chrysler. Acquisti sul risparmio gestito.

CONDIVIDI

La Borsa di Milano prosegue in netto ribasso. Il FTSE MIB perde al momento l’1,1% a 17.917,11 punti. Lo spread tra il BTP e il Bund è in aumento a 108 punti base.

Il forte calo dell’indice Tankan giapponese ha incrementato i timori relativi alle prospettive dell’economia globale. Gli investitori non vogliono inoltre esporsi al rischi in attesa del rapporto sull’occupazione negli Stati Uniti.

Telecom Italia (IT0003497168) perde il 3,5%. L’intero settore europeo delle telecomunicazioni è oggi particolarmente debole.

Eni (IT0003132476) perde il 2,9%. Il cane a sei zampe ha sospeso l'attività produttiva in Val d'Agri (75.000 barili al giorno) a seguito dell’inchiesta della magistratura di Potenza che ha condotto al sequestro di impianti nel centro oli di Viggiano e all’arresto di cinque lavoratori.

Fiat Chrysler (NL0010877643) perde il 2,5%. Sergio Marchionne ha escluso un’alleanza con Peugeot (FR0000121501).

La maggior parte dei bancari è rimbalzata. Banca Popolare di Milano (IT0000064482) guadagna lo 0,5%, Banca Popolare dell'Emilia Romagna (IT0000066123) l'1,7%, UBI Banca (IT0003487029) l,2%.

Nel settore del risparmio gestito Anima Holdings (IT0004998065) guadagna il 2% e Azimut (IT0003261697) il 3,3%. Il documento dell'ESMA sulle linee guida per la remunerazione dei gestori non prevede modifiche nel calcolo delle commissioni di performance.

logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Team XTB. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro