FMI alza stime PIL, ma l’Italia deve proseguire sulla strada delle riforme

FMI alza stime PIL, ma l’Italia deve proseguire sulla strada delle riforme
Il FMI ha alzato le sue stime di crescia per l'Italia. © Shutterstock

Il FMI prevede ora per il 2016 un aumento del PIL dell’1,1% e per il 2017 dell'1,25%.

CONDIVIDI

Il Fondo Monetario Internazionale (FMI) ha alzato le sue stime di crescita per l'Italia. L'istituzione con sede a Washington prevede ora per il 2016 un aumento del PIL dell’1,1% (dal precedente 1,0%) e per il 2017 dell'1,25% (da 1,1%).

Nella nota a conclusione della missione di primavera nel nostro Paese il FMI esorta il governo italiano a portare avanti le riforme per far fronte ai bassi tassi di produttività e spingere la crescita.

Il FMI indica che ad un tale passo il PIL dell’Italia non tornerà ai livelli pre-crisi prima della metà degli anni 2020. Apri un conto demo GRATUITO e illimitato su IQOption

Gli esperti dell'FMI avvertono inoltre che i rischi sono orientati al ribasso a causa della volatilità dei mercati finanziari, dell’eventuale Brexit, della crisi dei rifugiati e della debolezza del commercio globale.

Hodly
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
iqOption