Banche, prestiti in aumento a maggio, ma le sofferenze tornano a 200 miliardi

Banche, prestiti in aumento a maggio, ma le sofferenze tornano a 200 miliardi
Le banche italiane sono tornate a prestare alle imprese. © Shutterstock

I prestiti al settore privato sono aumentati a maggio dello 0,8%.

CONDIVIDI

La Banca d'Italia ha comunicato oggi che i prestiti al settore privato sono aumentati a maggio dello 0,8% (+0,4% ad aprile). I prestiti alle famiglie sono aumentati dell’1,5% (+1,2% nel mese precedente) e quelli alle società non finanziarie dello 0,3% (-0,6% ad aprile).

I tassi d'interesse sui finanziamenti erogati alle famiglie per l'acquisto di abitazioni sono stati pari al 2,61% (2,66% nel mese precedente); quelli sulle nuove erogazioni di credito al consumo si sono attestati all’8,32%, dall’8,35% di aprile.
I tassi sui nuovi prestiti alle società non finanziarie di importo fino a 1 milione di euro si sono attestati al 2,53% (2,57% nel mese precedente); i tassi sui nuovi prestiti di importo superiore a tale soglia sono scesi all’1,22%, dall'1,46% ad aprile.
I tassi passivi sul complesso dei depositi in essere sono stati pari allo 0,46% (0,47% ad aprile).

I depositi del settore privato sono cresciuti del 3,2% (+5,4% ad aprile). La raccolta obbligazionaria è scesa del 14,8% (-15,0% nel mese precedente).

Per quanto riguarda le sofferenze delle banche, il tasso di crescita sui dodici mesi - tenendo conto delle discontinuità statistiche ma senza correggere per le cartolarizzazioni e le altre cessioni - è risultato pari al 3,2% (+3,5% ad aprile). In valore assoluto, le sofferenze lorde sono cresciute a €200 miliardi, tornando ai massimi da gennaio e contro i €198,3 miliardi ad aprile.

logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Team XTB. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro