Istat conferma: economia ferma nel secondo trimestre

Istat conferma: economia ferma nel secondo trimestre
La ripresa dell'economia si è fermata. © Shutterstock

Il PIL ha registrato nel secondo trimestre una variazione nulla. La domanda interna ha sottratto 0,1 punti. Positivo l'apporto della domanda estera.

CONDIVIDI

L'Istat ha confermato oggi che il PIL dell'Italia ha registrato nel secondo trimestre del 2016 una variazione nulla.

Dal lato della domanda interna, i consumi nazionali sono stazionari in termini congiunturali, sintesi di un aumento dello 0,1% dei consumi delle famiglie e di un calo dello 0,3% della spesa della PA, mentre gli investimenti fissi lordi hanno registrato una flessione dello 0,3%. Le importazioni sono aumentate dell'1,5% e le esportazioni dell'1,9%.

L’ufficio di statistica spiega che la domanda nazionale al netto delle scorte ha sottratto 0,1 punti percentuali alla variazione del PIL: si registrano contributi nulli per i consumi delle famiglie e delle Istituzioni Sociali Private (ISP) e per gli investimenti fissi lordi e un contributo negativo (-0,1 punti percentuali) per la spesa della Pubblica Amministrazione (PA). La variazione delle scorte ha contribuito negativamente per 0,1 punti percentuali, mentre l'apporto della domanda estera netta è stato positivo per 0,2 punti percentuali.

Il valore aggiunto registra incrementi congiunturali nell'agricoltura (0,5%) e nei servizi (0,2%) mentre diminuisce (-0,6%) nell'industria. Apri un conto demo GRATUITO e illimitato su IQOption

Su base annua l'economia italiana è cresciuta nel secondo trimestre dello 0,8%. La stima preliminare aveva indicato una crescita dello 0,7%. La variazione acquisita per il 2016 è pari a +0,7%.

Hodly
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
iqOption