Lavoro: Forte calo dei contratti stabili, aumentano i licenziamenti

Lavoro: Forte calo dei contratti stabili, aumentano i licenziamenti
I contratti di lavoro a tempo indeterminato sono calati significativamente. © Shutterstock

I contratti a tempo indeterminato sono calati nel secondo trimestre del 29,4%.

CONDIVIDI

Nel secondo trimestre del 2016 le attivazioni di contratti a tempo indeterminato sono state 392.043, il 29,4% in meno rispetto all'anno scorso (-163.099). Lo ha comunicato oggi il Ministero del Lavoro. Il calo dei contratti a tempo indeterminato è stato causato dalla forte riduzione degli incentivi fiscali legati alle assunzioni stabili.

Nel secondo trimestre sono state registrate nel complesso 2,45 milioni di attivazioni di contratti a fronte di 2,19 milioni di cessazioni. I contratti trasformati a tempo indeterminato sono stati 84.334, di cui 62.705 da tempo determinato e 21.629 da apprendistato.

Sul fronte delle attivazioni, quelle a tempo indeterminato hanno costituito il 16% del totale, contro il 70,5% di quelle a termine, mentre i contratti di collaborazione hanno pesato per il 3,6% e quelli di apprendistato per il 3,3%.

Per quanto riguarda le cessazioni, i rapporti di lavoro a tempo indeterminato conclusi sono stati 470.561, il 10% in meno rispetto allo stesso periodo del 2015. La maggioranza delle cessazioni sono dovute al termine del contratto a tempo determinato (1,43 milioni). Tra le altre cessazioni sono aumentate quelle promosse dal datore di lavoro (+8,1%), mentre si sono ridotte quelle chieste dal lavoratore (-24,9%). In particolare sono aumentati i licenziamenti (+7,4% sul secondo trimestre 2015).

logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Team XTB. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro