L’economia sommersa e illegale continua a crescere, vale il 13% del Pil

L’economia sommersa e illegale continua a crescere, vale il 13% del Pil
L'economia sommersa continua a crescere. © Shutterstock

Secondo i calcoli dell'Istat, l'economia non osservata ammontava nel 2014 a 211 miliardi di euro.

CONDIVIDI

L'economia non osservata (sommersa e derivante da attività illegali) ammontava, nel 2014, a 211 miliardi di euro, pari al 13% del Pil. Lo ha calcolato l’Istat.

L’ufficio di statistica indica che il valore aggiunto generato dall'economia sommersa valeva, nel 2014, circa 194,4 miliardi di euro, pari al 12% del Pil, in aumento rispetto agli anni precedenti (11,9% nel 2013, 11,7% nel 2012). Il valore aggiunto connesso alle attività illegali valeva, nel 2014, circa 17 miliardi di euro, pari all'1% del Pil.

Il valore aggiunto generato dall'economia non osservata nel 2014 derivava per il 46,9% (47,9% nel 2013) dalla componente relativa alla sotto-dichiarazione da parte degli operatori economici. La restante parte è attribuibile per il 36,5% all'impiego di lavoro irregolare (34,7% nel 2013), per l'8,6% alle altre componenti (fitti in nero, mance e integrazione domanda-offerta) e per l'8% alle attività illegali. Apri un conto demo GRATUITO e illimitato su IQOption

L’Istat osserva che fra il 2011 e il 2014 il peso sul Pil dell'economia non osservata è passato dal 12,4% al 13,0%.

Hodly
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
iqOption