La Commissione Europea taglia le stime di crescita per l'Italia

La Commissione Europea taglia le stime di crescita per l'Italia
L'UE ha tagliato le stime sull'Italia. © Shutterstock

Bruxelles prevede ora per il 2016 una crescita del PIL dello 0,7%.

CONDIVIDI

Come previsto, la Commissione Europea, ha tagliato nel rapporto di autunno sull’Eurozona le sue stime sull’economia italiana.

Bruxelles prevede ora per il 2016 una crescita del PIL dello 0,7% (dal +1,1% previsto a maggio) e per il 2017 dello 0,9% (dal +1,3%). Le nuove stime sono leggermente inferiori a quelle del governo italiano (+0,8% quest'anno e +1% il prossimo). Per il 2018 la Commissione Europea si attende una crescita dell’1%, contro il +1,2% previsto dal nostro esecutivo.

Per quanto riguarda il rapporto deficit/PIL, secondo l’UE sarà pari al 2,4% nel 2016 e nel 2017 ma salirà al 2,5% nel 2018. A maggio la Commissione Europea aveva previsto per il 2017 un rapporto deficit/PIL all’1,9%.

Peggiorano anche le stime sul rapporto debito/PIL: 133% nel 2016 e 133,1% nel 2017, mentre in primavera erano rispettivamente a 132,7% e 131,8%. Per il 2018 Bruxelles prevede un rapporto debito/PIL al 133,1%, invariato sul 2017.

logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Team XTB. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro