Mediaset, raid di Vivendi. I francesi al 3% del capitale, puntano al 20%

Raid di Vivendi (FR0000127771) su Mediaset (IT0001063210). Il gruppo francese ha comunicato a sorpresa di possedere più del 3% del capitale del Biscione.

Vivendi ricorda in una nota di aver siglato lo scorso aprile una partnership strategica e industriale con l’operatore televisivo italiano. “Questo partnership, avente una portata internazionale, prevedeva, da un lato, varie iniziative relative alla produzione e distribuzione comune di ambiziosi programmi audiovisivi e, dall’altro lato, la creazione di una piattaforma televisiva globale over-the-top (OTT)”. Vivendi aggiunge che il primo passo dell’accordo prevedeva l’acquisizione da parte di Vivendi del 3,5% del capitale sociale di Mediaset e il 100% della pay-tv Mediaset Premium, in cambio del 3,5% del capitale sociale di Vivendi.

Vivendi indica quindi che “la prevista acquisizione di Mediaset Premium ha malauguratamente condotto ad un contenzioso legale e le proposte di Vivendi volte a trovare una soluzione amichevole per risolvere la controversia non sono state accettate da Mediaset e dal suo azionista Fininvest”.

La nota continua in questo modo, “considerando che l’interesse strategico della partnership industriale annunciata lo scorso 8 aprile 2016 travalica le questioni di questo contenzioso, Vivendi annuncia di aver superato oggi la soglia del 3% del capitale sociale di Mediaset e di detenerne ora il 3,01%”.

L’ingresso nel capitale di Mediaset, si sottolinea, è “in linea con la volontà di Vivendi di sviluppare la sue attività nell’Europa meridionale e con le proprie ambizioni strategiche quale primario gruppo internazionale dei media e dei contenuti con le basi in Europa”.

In conformità con la normativa vigente, la Consob e Mediaset sono state entrambe informate del superamento della soglia del 3%.

“Vivendi intende continuare ad acquistare azioni Mediaset in base alle condizioni di mercato, fino a diventare possibilmente il secondo maggiore azionista industriale, con una partecipazione che, in un primo tempo, potrebbe rappresentare tra il 10% e il 20% del capitale”.

È probabile che si tratti solo del primo passo verso un’operazione ostile. Non a caso Mediaset e Fininvest avevano accusato durante gli scorsi mesi più volte Vivendi di volere scalare il gruppo di Cologno Monzese. Il finanziere e miliardario Vincent Bolloré, che controlla Vivendi, è inoltre già famoso in Francia ed in tutta Europa per i suoi raid.

Migliori Broker Trading

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
Capex.com
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Piattaforma di proprietà e MetaTrader 5
Licenza: CySEC
Strumenti Intregrati
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Le ultime news su Borsa Italiana

Inizia a fare trade con Avatrade X

Avviso di rischio - Il 67-77% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.