Piazza Affari chiude in leggero ribasso, ancora vendite sulle banche

Piazza Affari chiude in leggero ribasso, ancora vendite sulle banche
© Shutterstock

Anche oggi ci sono stati pochi spunti per gli investitori. Bene petroliferi e utilities. Fuori dal FTSE MIB sale Parmalat.

CONDIVIDI

La Borsa di Milano ha chiuso oggi in leggero ribasso. Il FTSE MIB ha perso lo 0,2% a 19.203,94 punti. Lo spread è rimasto stabile a 163 punti di ieri sera. In un clima semifestivo, la seduta a Piazza Affari è stata anche oggi povera di spunti.

Le nuove perdite delle banche sono state in buona parte compensate dalla positiva performance dei petroliferi e delle utilities.

Tra i bancari Banca Popolare di Milano (IT0000064482) ha perso il 3,5%, Banco Popolare (IT0004231566) il 3,8%, UniCredit (IT0000064854) l’1,9%, Intesa Sanpaolo (IT0000072618) lo 0,8% e UBI Banca (IT0003487029) il 3,1%. La Germania ha di nuovo richiesto che l’Italia rispetti le regole sui salvataggi delle banche. Intanto il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, ha criticato la BCE per aver aumentato la richiesta di aumento di capitale a Banca MPS (IT0001334587) da 5 a 8,8 miliardi di euro. Il titolo della banca senese è stato sospeso dalle contrattazioni.

Il settore delle utilities ha tratto vantaggio dal calo dei rendimenti dei bond. Enel (IT0003128367) ha guadagnato lo 0,5%, Snam (IT0003153415) l’1% e Terna (IT0003242622) il 2,1%.

I petroliferi hanno beneficiato anche oggi della solidità del prezzo del petrolio. Eni (IT0003132476) ha guadagnato lo 0,9% e Saipem (IT0000068525) lo 0,5%.

Fuori dal paniere principale Parmalat (IT0003826473) ha guadagnato l’1,2%. Secondo Kepler Cheuvreux i francesi di Lactalis potrebbero aumentare il prezzo dell’Opa totalitaria sulla compagnia alimentare italiana.

logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Team XTB. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro