Generali si difende, acquistato il 3% di Intesa Sanpaolo

Generali si difende, acquistato il 3% di Intesa Sanpaolo
© Shutterstock

Mossa del gruppo assicurativo di Trieste per cercare di evitare una possibile scalata.

CONDIVIDI

Generali (IT0000062072) passa al contrattacco dopo le voci che la vedono un potenziale obiettivo di scalata. Il gruppo assicurativo ha comunicato in una breve nota di aver acquisito i diritti di voto su 505 milioni di azioni di Intesa Sanpaolo (IT0000072618) pari al 3,01% del capitale, “attraverso un'operazione di prestito titoli”.

Oggi Generali ha chiuso a Piazza Affari in rialzo del 3,9% dopo che “La Stampa” ha scritto che Intesa Sanpaolo e Allianz (DE0008404005) stanno studiando il dossier. In questo contesto la mossa annunciata dal Leone di Trieste ha un chiaro carattere difensivo. Secondo le leggi di borsa, nel caso di partecipazioni incrociate, il primo gruppo che annuncia il possesso di almeno il 2% di un rivale, ne congela i diritti di voto in caso di acquisto incrociato di azioni. Se Intesa Sanpaolo dovesse quindi acquistare ora una quota di Generali, i suoi diritti di voto relativi sarebbero congelati. Apri un conto demo GRATUITO e illimitato su IQOption

È da tempo che si scommette su possibili aggregazioni nel settore assicurativo. In passato è circolata più volte la voce di una mega fusione tra Generali e la francese AXA (FR0000120628). Secondo “La Stampa” anche Allianz starebbe ora guardando a Trieste. L’amministratore delegato del colosso tedesco, Oliver Baete, ha ammesso di recente di star considerando “una grande acquisizione”. Nei circoli finanziari si ipotizza che Allianz possa tentare la scalata al fianco Intesa Sanpaolo come “garante” dell’italianità dell’operazione.

Hodly
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
iqOption