Istat, segnali positivi per l’edilizia residenziale

Istat, segnali positivi per l’edilizia residenziale
© Shutterstock

I nuovi fabbricati sono cresciuti nel secondo trimestre 2016 per la prima volta da 5 anni. Resta in crisi l'edilizia non residenziale.

CONDIVIDI

Nel primo semestre 2016, ci sono stati segnali positivi per l'edilizia residenziale. Lo afferma l’Istat. L’ufficio di statistica indica in una nota che il numero di abitazioni dei nuovi fabbricati è tornato a superare la soglia delle 10 mila unità nel primo trimestre raggiungendo quasi 11,5 mila nel secondo, sebbene si sia registrata una contenuta contrazione (-1,1%) rispetto al primo semestre 2015. Più marcato è stato il miglioramento semestrale registrato in termini di superficie utile abitabile (+4,0%). L'edilizia non residenziale ha registrato invece una riduzione dell'8,3%.

L’Istat osserva che dopo la marcata flessione nel numero di abitazioni registrata per i nuovi fabbricati residenziali nel primo trimestre 2016 (â??6,2%), il parziale recupero conseguito nel secondo trimestre 2016 (+4,0%) ha rappresentato la prima variazione positiva dopo 5 anni di continue flessioni tendenziali. In termini di superficie utile, la contenuta flessione tendenziale nel primo trimestre (-1,3%) è stata sopravanzata dall'ampia crescita nel secondo (+9,1%), anch'esso primo dato positivo dopo 5 anni.

Dopo la fase di forte espansione registrata, in media, nel 2015, l'edilizia non residenziale è tornata ad essere caratterizzata da un marcata contrazione tendenziale nel primo trimestre 2016 (-9,2%) che si è ridimensionata solo in parte nel secondo (-7,5%).

logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Team XTB. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro