Il settore manifatturiero italiano rallenta lievemente a gennaio

Il settore manifatturiero italiano ha rallentato lievemente. L’indice PMI di IHS Markit è sceso a gennaio, rispetto a dicembre, da 53,2 a 53 punti. Gli economisti avevano previsto un lieve aumento a 53,3 punti.

Ricordiamo che un valore superiore a 50 punti segnala una crescita dell’attività manifatturiera mentre un valore inferiore indica una contrazione.

IHS Markit indica in una nota che, supportato dall’incremento degli ordini esteri, il settore manifatturiero italiano ha osservato a gennaio un aumento dei livelli della produzione. Tassi di crescita della produzione e dei nuovi ordini totali sono risultati leggermente più lenti rispetto a dicembre mentre il tasso di creazione occupazionale è aumentato al valore più alto in nove mesi. Allo stesso tempo, spiegano gli esperti, i produttori manifatturieri hanno fatto i conti con l’aumento maggiore dei prezzi medi di acquisto da inizio 2011, che ha causato il terzo aumento consecutivo dei prezzi di vendita.

Rimani aggiornato con guide e iniziative esclusive per gli iscritti!

Telegram

Migliori Broker Trading

Deposito minimo 50$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100€
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100$
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari
* Avviso di rischio

Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.

Le ultime news su Borsa Italiana Oggi Quotazioni in Tempo Reale Azioni Indici

Copia dai migliori traders

Trading senza commissioni

Trading senza commissioni

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.