Piazza Affari vira in rosso con le banche, bene Eni

Piazza Affari vira in rosso con le banche, bene Eni
© Shutterstock

Le incertezze politiche frenano il mercato. Sale lo spread. Male Generali. La speculazione sostiene Fiat Chrysler.

CONDIVIDI

Dopo un’apertura positiva la Borsa di Milano ha virato in rosso. Il FTSE MIB scende attualmente lo 0,2% a 18.961,13 punti.

A pesare su Piazza Affari è la crescente incertezza politica a causa della possibile scissione del PD, il principale partito italiano. Lo spread sale a 189 punti base.

Le vendite colpiscono soprattutto i bancari. Banco Bpm (IT0005218380) perde l’1,7%, Bper Banca (IT0000066123) lo 0,7% e UBI Banca (IT0003487029) l’1%.

Generali (IT0000062072) scende dell’1,6%. Il gruppo assicurativo ha acquistato 510 milioni di azioni ordinarie di Intesa Sanpaolo (IT0000072618) pari al 3,04% del capitale sociale complessivo della banca.

Eni (IT0003132476) guadagna l’1,1% ed è in cima al FTSE MIB. Il prezzo del petrolio (Brent) sale al momento di circa l’1%.

Fiat Chrysler (NL0010877643) perde lo 0,8%. Secondo indiscrezioni di stampa PSA Group (FR0000121501), il gruppo che controlla i marchi automobilistici Peugeot e Citroën, e General Motors (US37045V1008), sarebbero vicini a trovare un accordo sulla cessione di Opel.

CNH Industrial (NL0010545661) guadagna lo 0,4%. Il costruttore di veicoli commerciali beneficia dei positivi risultati annunciati venerdì dal rivale Deere & Company (US2441991054). Apri un conto demo GRATUITO e illimitato su IQOption

Fuori dal paniere principale Credito Valtellinese (IT0000064516) guadagna lo 0,5%. Banca Akros ha alzato il suo rating sul titolo a “Neutral” dal precedente “Reduce”.

Hodly
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
iqOption