Borsainside.com

Borsa Italiana sempre “meno” importante: cala il peso sul Pil

borsa

Diminuisce il peso sul Pil della Borsa Italiana.

Secondo quanto afferma l’ultimo rapporto Consob, la Borsa Italiana sta pesando sempre di meno sul Pil. E il calo non sarebbe finito qui: a diminuire sono anche il numero delle società quotate e il controvalore degli scambi, oltre al numero delle obbligazioni bancarie. Insomma, una Piazza Affari sempre meno rilevante, intorno alla quale tuttavia c’è sempre un discreto interesse, valutato che gli istituzionali stranieri sono sempre più attivi nelle assemblee delle società tricolori, a conferma dell’appeal esercitato dalle nostrane compagini.

✅ AVATRADE: Trading in sicurezza e senza commissioni su +500 strumenti finanziari con con un broker regolamentato MiFID II. MT4/5, WebTrading e Mobile APP. — Prova con un conto Demo gratuito +100.000€ virtuali  >>

AVATRADE: Trading in sicurezza e senza commissioni su +500 strumenti finanziari con con un broker regolamentato MiFID II. MT4/5, WebTrading e Mobile APP. — Prova con un conto Demo gratuito +100.000€ virtuali  >>

Complessivamente, però, il dato che salta maggiormente all’occhio è il nucleo di elementi negativi. Nel 2016 Piazza Affari ha visto scendere il proprio indice principale del 10%, mentre la capitalizzazione del listino è passata dal 35% al 31,6% del Prodotto Interno Lordo, contro una quota di quasi il 50% nel 2007. Ancora, il numero delle società quotate è calato a 240, con un passo indietro del 20% rispetto al 2007, mentre il controvalore degli scambi si è contratto del 22%. Nell’anno, le società quotate hanno raccolto fondi per 6 miliardi di euro, il 36% in meno rispetto a un anno prima, e per le Ipo si è passati da 5,5 miliardi di euro a 1,4 miliardi di euro (ma nel 2015 c’era stato il collocamento di Poste). Ulteriormente, tra la voce dividendi, quella buy back e le offerte pubbliche di acquisto, sarebbero stati distribuiti agli azionisti 21 miliardi di euro, più o meno in linea con il 2015.

L’unica notizia positiva riguarda pertanto gli investitori esteri, visto e considerato che da qualche anno quasi un terzo del listino (il 30%) ha almeno un investitore istituzionale estero nel capitale. Il numero di società è passato da 47 nel 2009 a 70 nel 2015, e gli investitori esteri partecipano sempre più alle assemblee, considerato che nelle prime 100 per capitalizzazione, la media degli istituzionali esteri è quasi il 18% del capitale rappresentato in assemblea, contro il 10,4% del 2012.

IQOption
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA
Broker Caratteristiche Vantaggi Apri Conto Demo
eToro
  • Licenza: CySEC – FCA – ASIC
  • Social Trading
  • Deposito min: 200 $
Piattaforma N.1 al mondo per il Social Trading Prova Gratis eToro opinioni
AvaTrade
  • Broker con più regolamentazioni
  • Copy trading
  • Segnali di Trading
Trading CFD e con le opzioni vanilla Prova Gratis AvaTrade opinioni
ROInvesting
  • Licenza: CySEC
  • Sponsor A.C. Milan
  • Investi con Paypal
Formazione Trader Prova Gratis ROInvesting opinioni
Markets.com
  • Trading CFD con Marketsx
  • Metatrader 4 e 5;
  • Negoziazione di azioni con Marketsi
Ampia scelta di asset e piattaforme Prova Gratis Markets.com opinioni

* Trading in CFD. Il tuo capitale è a rischio.

Miglior Broker Consigliato

etoro
Plus500

Reagisci alla volatilità dei mercati

Il sell-off del mercato globale continua con l'evolversi di una potenziale crisi finanziaria e occasioni di acquisto/entrata sui mercati finanziari.

Non perdere la tua prossima opportunità:

Usa i nostri strumenti e caratteristiche avanzate per acquisire il controllo del tuo conto:

PROVA GRATIS