Borsa Italiana: su quali azioni sono aperte le posizioni ribassiste più forti?

Borsa Italiana: su quali azioni sono aperte le posizioni ribassiste più forti?
© Shutterstock

Gli investitori istituzionali allargano gli short su alcune azioni di Borsa Italiana: hanno tutte un minimo comun denominatore

CONDIVIDI

In attesa di novità sulla formazione del nuovo governo, Borsa Italiana continua a registrare performance deboli ma senza lasciarsi travolgere dal pessimismo. Il Ftse Mib resta in area 24000 punti pur con un ribasso dello 0,7% rispetto alla chiusura dello scorso venerdì. Nonostante questo clima prudente non mancano dei segnali abbastanza indicativi su quello che potrebbe essere l'andamento dell'azionariato nelle prossime sedute. Dalle più recenti comunicazioni Consob sulle posizioni corte emerge infatto una tendenza degli investitori ad incrementare lo short ossia le scommesse ribassiste su molte azioni di Borsa Italiana. In meccaniche come quelle di borsa, la presenza di posizioni corte è una normalità ma se esse tendono ad impliarsi e a coinvolgere un settore ben preciso, allora c'è la possibilità che si stia andando ben oltre le normali dinamiche. In altre parole dietro l'aumento degli short su alcune azioni ci potrebbero essere le convinzioni degli investitori istituzionali circa un possibile ribasso del mercato azionario italiano in caso di evoluzioni "preoccupanti" della dinamica politico-istituzionale. Non è da escludere, infatti, che ci possa essere un calo del Ftse Mib, e in particolare delle banche, nel caso in cui nasca un governo espressione dell'alleanza tra la Lega di Salvini e il Movimento 5 Stelle di Di Maio. 

Secondo le comunicazioni Consob sulle posizioni short, infatti, la maggior parte delle posizioni ribassiste degli investitori istituzionali riguarda le banche e i titoli finanziari. Tra le 48 società di Borsa Italiana che, stando alle rivelazioni Consob, sono state vendute allo scoperto da parte degli investitori istituzionali, il primato spetta alle azioni delle banche

Tra i titoli più shortati c'è Banco BPM. Le azioni della banca nata dalla fusione tra Banco Popolare e Banca Popolare di Milano con ben 8 posizioni ribassiste, sono in assoluto le più shortate. Ben il 7,61% del capitale di Banco BPM è oggetto di short. Alle spalle di Banco BPM nella classifica delle azioni più shortate ci sono ben tre altre azioni bancarie. In particolare, in seconda posizione con un complessivo 6,44% di short c'è BPER Banca. Il numero degli investitori istituzionali che vantano posizioni ribassiste su BPER Banca è salito a 7 dopo la pubblicazione dei conti del primo trimestre da parte dell'ex Banca Popolare dell'Emilia Romagna. In ordine temporale gli ultimi istituzionali ad attivare posizioni ribassiste su BPER Banca sono stati PDT Partners (0,55%) il 9 maggio e AQR Capital Management con una quota dell'1,77% il successivo 10 maggio. 

logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Team XTB. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro