Borsa Italiana Oggi 15 novembre 2022: Ftse Mib a +0,42%. Tracollo per le azioni Nexi

borsa di Milano

Seduta ad alta volatilità per la borsa di Milano. Il Ftse Mib ha infatti avviato le contrattazioni di oggi 15 ottobre con un leggero rialzo che si è però annullato nel giro di un’ora. A metà seduta, il paniere di riferimento di Piazza Affari risultava in ribasso ma, successivamente, è poi tornato su un leggero verde che si è intensificato nel pomeriggio.

Nonostante la situazione poco mossa sul principale indice azionario di Piazza Affari non sono mancate le quotate che hanno segnato movimenti di prezzo anche molto significativi.

Ad impressionare è stata soprattutto il tracollo di Nexi. La quotata dei pagamenti elettronici è in ribasso di oltre 9 punti percentuali in scia alla vendita da parte di Intesa SP dell’intera partecipazione detenuta nel capitale della società. Segni rossi vistosi anche su Telecom Italia e su Interpump Group.

Anche sul fronte opposto, ossia tra le quotate in rialzo, non sono mancati i titoli effervescenti. In cima al Ftse Mib c’è stata Saipem che ha chiuso avanti del 5 per cento. Acquisti di un certo spessore anche su Leonardo e Tenaris.

Fuori dal Ftse Mib segnaliamo il rialzo dell’1,43 per cento del Monte dei Paschi.

Borsa Italiana Oggi 15 novembre 2022: previsioni apertura

Quali sono le attese in vista dell’apertura delle contrattazioni a Piazza Affari oggi 15 novembre 2022? Ci sarà una prevalenza dei segni positivi oppure saranno le vendite ad imporsi sulla scena? Per rispondere a queste domande procederemo nelle nostre due solite direzioni: studio dell’impostazione dei futures sul paniere di riferimento e analisi delle prestazioni messe a segno dalle due borse a cui tutti gli investitori italiani ed europei guardano ogni mattinata: Tokyo (sessione di oggi) e Wall Street (seduta di ieri).

Iniziamo dai contratti derivati che oggi sono impostati al rialzo. Questo è un segnale concreto circa la possibilità che oggi Piazza Affari possa partire con il segno verde. Rialzo si, ma senza tanto rumore (l’avvio dovrebbe quindi essere in frazionale apprezzamento, non di più).

L’ipotesi rialzista non è più di tanto supportata delle prestazioni dei mercati di riferimento. Mentre la borsa di Tokyo ha chiuso con il Nikkei avanti dello 0,1 per cento a quota 27.990 punti, a New York a prevalere sono state le vendite. Nel dettaglio la borsa Usa ha chiuso con il Dow Jones in ribasso dello 0,63 per cento a quota 33.537 punti, l’S&P 500 in calo dello 0,89 per cento a 3.957 punti e il Nasdaq che ha dovuto fare i conti con i rossi più ampi chiudendo la seduta con un rosso dell’1,12 per cento a 11.196 punti.

La forte dinamicità che ha caratterizzato gli indici di Tokyo e Wall Street può essere sfruttata per investire su questi asset attraverso uno strumento derivato come i CFD. A tal riguardo ricordiamo che scegliendo un broker autorizzato come ad esempio eToro è possibile avere subito la demo gratuita da 100 mila euro virtuali per imparare a fare trading con i CFD sugli indici senza correre il rischio di rimetterci soldi veri a causa di sbagli operativi.

Apri un conto demo eToro e imparare a fare trading con i CFD sugli indici di borsa>>>è gratis da qui

demo etoro

Borsa Italiana Oggi 15 novembre 2022: titoli da tenere d’occhio

Quali sono le quotate da monitorare in avvio di contrattazioni a Piazza Affari? Mentre durante le scorse settimane erano le trimestrali a movimentare il Ftse Mib, adesso è necessario ricercare eventuali notizie price sensitive.

Proprio muovendosi in questa direzione, è possibile trovare uno spunto molto interessante che coinvolge bene due quotate: Intesa Sanpaolo ha annunciato l’avvenuta vendita di azioni ordinarie di Nexi per un ammontare complessivo pari a circa 67 milioni di titoli (vale a dire circa il 5,1 per cento del relativo capitale della società dei pagamenti digitali). La quota venduta dalla banca guidata da Messina corrisponde all’partecipazione detenuta nel capitale di Nexi. La vendita è avvenuta sulla base di un prezzo delle azioni pari a 8,7 euro, valutazione che incorpora uno conto del 10,9 per cento rispetto al valore di chiusura del titolo nella seduta di borsa di ieri 14 novembre 2022 (9,76 euro).

Dinanzi a questa operazione, diventa spontaneo chiedersi quali potrebbero essere gli effetti sulle azioni Nexi e Intesa Sanpaolo dell’operazione annunciata dalla banca. Un primo segnale concreto si potrebbe già avere in avvio di contrazioni.

Accanto a queste due quotate, ve ne è poi una terza che è parimenti da tenere d’occhio. Si tratta di Saipem. Il colosso del settore engineering ha reso noto di essersi aggiudicata cinque nuovi contratti di perforazione offshore (tre in Medio Oriente e due in Africa Occidentale). Il valore complessivo delle nuove commesse è pari a circa 800 milioni di dollari. Una buona notizia per Saipem. Lo sarà anche per gli investitori che sono esposti sul titolo oil? Staremo a vedere.

Visto che stiamo parlando di titoli azionari, vi lasciamo con una informazione che può essere molto utile: scegliendo il broker eToro è possibile acquistare azioni senza commissioni. In più eToro offre la possibilità di iniziare ad operare partendo da un deposito minimo di soli 50 dollari.

Inizia a comprare azioni senza commissioni con eToro>>> vai sul sito del broker da qui

Rimani aggiornato con guide e iniziative esclusive per gli iscritti!

Telegram

Le ultime news su Borsa Italiana

Copia dai migliori traders

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.