i giudizi degli analisti di oggi sulle blue chips europee

CONDIVIDI
Ieri sera Intel (ISIN: US4581401001) ha aperto la "earnings season" del comparto dei semiconduttori USA con dei dati di bilancio che non hanno soddisfatto le attese del mercato. Bisogna sperare ora in risultati migliori da parte di Texas Instruments (ISIN: US8825081040), AMD (ISIN: US0079031078) e Rambus (ISIN: US7509171069). Le tre imprese presenteranno le loro trimestrali oggi dopo la chiusura delle borse negli Stati Uniti.
Gli occhi degli investitori saranno puntati in particolar modo sui risultati di Texas Instruments. L'azienda è il principale produttore mondiale di chip per telefonini. Dopo la revisione al ribasso delle stime sui ricavi per il primo trimestre da parte di Nokia (ISIN: FI0009000681) il titolo di Texas Instruments ha sofferto sul timore che anche i suoi affari possano aver subito un regresso. Questa sera si saprà se questi timori siano stati fondati. Il mercato prevede un fatturato di $2,9 miliardi e un utilie di $0,21 per azione (primo trimestre 2003: $2,2 miliardi e $0,07 per azione).
Per quanto riguarda AMD, uno dei principali concorrenti di Intel, le previsioni sono di $1,17 miliardi di fatturato e di $0,03 per azione. Nel primo trimestre 2003 AMD aveva presentato perdite di $0,42 per azione.
Rambus infine dovrebbe aver fatturato nei primi tre mesi 2003 $32,9 milioni e raggiunto un utile per azione a $0,06 (primo trimestre 2003: $28 milioni e $0,05 per azione). Nel quarto trimestre 2003 Rambus aveva registrato un utile per azione a $0,08 ed aveva superato di 3 cents le stime degli analisti.


Hodly
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro