Chip: Intel delude le attese, massacro nel dopo-borsa

CONDIVIDI
Intel (US4581401001) ha sorpreso ieri dopo la chiusura delle contrattazioni negli USA purtroppo molto negativamente. In occasione dell'aggiornamento delle stime sull'andamento degli affari nel trimestre in corso il colosso dei chip ha ridotto l'obiettivo delle vendite da una forchetta di $8,6-$9,2 miliardi a $8,3-$8,6 miliardi. Nei giorni scorsi molti analisti avevano espresso cautela sui ricavi di Intel. Nessuno aveva previsto però un tale deludente risultato. La riduzione delle stime sarebbe stata causata da un rallentamento della domanda di chips per computer e di memorie flash per telefonini. Per questo motivo le scorte di magazzino per questi chips dovrebbero aumentare nel corso di questo trimestre. Intel ha quindi annunciato che aumenterà le sue riserve per eventuali ammortamenti. Intel ha inoltre tagliato le previsioni sul margine lordo per l'esercizio 2004 dal 60% al 58%.
Gli investitori hanno reagito molto negativamente alla notizia. Intel è crollato nel dopo-borsa e ha trascinato nel baratro tutti i principali titoli del comparto dei semiconduttori. Un vero massacro. Intel ha perso il 7,6% a $19,99, Texas Instruments (US8825081040) il 2,1%, AMD (US0079031078) il 3,5% e Applied Materials (US0382221051) il 2,9%. Se non bastasse anche Altera (US0214411003), il cui titolo è contenuto nell'indice Philadelphia Semiconductor, ha contribuito a deprimere il settore riducendo le sue previsioni sui ricavi nel trimestre in corso da $274-$280 milioni a $269 milioni. Il titolo di Altera ha perso nel dopo-borsa il 4,9% a $18,12.
logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Team XTB. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro