I giudizi degli analisti di oggi sulle blue chips europee

CONDIVIDI
Il consueto aggiornamento delle previsioni di metà trimestre di Texas Instruments (US8825081040) ha deluso le attese del mercato. Ieri, dopo la chiusura delle contrattazioni negli USA, il gigante texano dei chip ha ridotto leggermente le sue stime sui ricavi e gli utili per il trimestre in corso. Texas Instruments attende ora vendite in una spanna di $2,91-3,03 miliardi ed un utile per azione di $0,22-0,24. Le precedenti previsioni erano di ricavi di $2,9-3,14 miliardi e di un utile per azione di $0,22-0,26. Gli analisti attendono in media un fatturato di $3,04 miliardi ed un utile per azione di $0,24. Texas Instruments ha indicato che la domanda di chip DLP (Digital Light Processing) per televisori starebbe registrando un andamento inferiore alle attese. Altrimenti gli affari degli altri segmenti starebbero procedendo conformemente alle previsioni. Nel dopo-borsa il titolo ha perso il 2,8% a $26,60. Un primo passo falso per il settore dei chip quindi dopo la buona performance degli ultimi tempi. Il comparto ha beneficiato durante le scorse settimane di alcuni giudizi positivi da parte degli analisti, vedi per esempio: Semiconduttori: J.P. Morgan bullish su Intel & Co. Molte banche d'affari credono infatti che il mercato dei semiconduttori possa riprendersi più velocemente del previsto. Le stime delle società di ricerca per il 2005 sono però molto prudenti, vedi tra l'altro: Chip: Gartner attende per il 2005 un forte calo della crescita. Il più debole outlook di Texas Instruments sul trimestre in corso dovrebbe pesare oggi sulla performance di tutto il settore in generale.

Hodly
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
iqOption