I giudizi degli analisti di oggi sulle blue chips europee

CONDIVIDI
Oracle (US68389X1054) ha comunicato ieri dopo la chiusura delle contrattazioni a Wall Street dei dati trimestrali di bilancio che non hanno soddisfatto le attese del mercato. Nel terzo trimestre dell'esercizio fiscale 2004/2005 i ricavi del colosso del software sono cresciuti rispetto allo stesso periodo dello scorso anno del 18% a $2,95 miliardi. L'utile per azione ha registrato invece un calo del 15% a $0,10. Sugli utili di Oracle hanno pesato gli effetti straordinari causati dall'acquisizione di PeopleSoft. Altrimenti l'utile per azione di Oracle si sarebbe attestato a $0,16. Gli analisti avevano atteso in media ricavi di $3,05 miliardi ed un utile per azione di $0,15. Senza tenere conto degli effetti straordinari gli utili di Oracle avrebbero quindi superato leggermente le attese del mercato. Deludenti invece i ricavi, inferiori di $100 milioni alle previsioni degli analisti. Piper Jaffray ha fatto notare a proposito che soprattutto le vendite con le applicazioni di software avrebbero registrato un debole andamento. Per quanto riguarda il core business di Oracle, i database, Larry Ellison ha indicato invece che secondo i dati di IDC la sua impresa è riuscita a guadagnare negli scorsi dodici mesi quote di mercato passando dal 40,3% al 41,3%. Oracle ha inoltre espresso ottimismo sul prossimo trimestre ed ha alzato le sue stime sull'utile per azione (prima degli effetti straordinari) per l'intero esercizio da $0,62 a $0,64-0,65. Gli analisti avevano atteso finora in media $0,63. Nel dopo-borsa il titolo ha perso l'1,5% a $12,30.
Ricordiamo che ieri Oracle ha annunciato l'acquisizione di Retek(US68389X1054), vedi: Software: Oracle vince la battaglia per il controllo di Retek.
Sulla situazione tecnica del titolo vedi: Nasdaq - Sotto la lente: Oracle.

Hodly
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
iqOption