eToro

Mercati USA: Cosa attendersi la prossima settimana

Il calendario macroeconomico è particolarmente ricco. Importanti soprattutto i dati sull'inflazione a maggio. Le trimestrali dei broker e di Adobe.

La scorsa settimana le parole di Alan Greenspan sullo stato di salute dell'economia americana sono state rassicuranti e Intel (US4581401001) ha migliorato le sue previsioni sul trimestre in corso. Nonostante ciò la performance dei listini statunitensi è stata piuttosto modesta. Il Dow Jones e lo Standard & Poor's 500 hanno guadagnato rispettivamente lo 0,5% e lo 0,2%, il Nasdaq Composite ha perso lo 0,4%. Dopo il rally di maggio il mercato sembra aver avuto bisogno di prendere fiato.
Il calendario macroeconomico di questa settimana è particolarmente ricco. L'attenzione degli investitori sarà puntata soprattutto sui dati relativi all'inflazione. Per domani è atteso l'indice dei prezzi alla produzione di maggio (PPI, Producer Price Index) mentre mercoledì il Labor Department comunicherà l'indice dei prezzi al consumo (CPI, Consumer Price Index). Gli esperti credono che l'inflazione negli USA sia al momento sotto controllo e attendono una conferma della loro tesi dal PPI e il CPI di maggio. Per quanto riguarda il PPI le stime sono di un calo dello 0,2% dopo un aumento dello 0,6% ad aprile. Il core PPI, l'indice depurato dalle più volatili variazioni dei prezzi di cibo ed energia, dovrebbe essere invece cresciuto dello 0,2% dopo un incremento dello 0,3% ad aprile. Dopo il balzo dello 0,5% di aprile il CPI dovrebbe essere aumentato lo scorso mese solo dello 0,1%. Il core CPI dovrebbe aver registrato un aumento dello 0,2% dopo essere rimasto stabile ad aprile. In caso questi dati dovessero deludere le attese e risultare essere superiori al previsto allora i timori inflazionistici negli USA dovrebbero riaccendersi. I mercati dovrebbero tendere verso il basso. Domani verrà comunicato anche il dato sulle vendite al dettaglio di maggio (Retail Sales). Tra gli altri dati per mercoledì è atteso il NY Empire State Index e per giovedì il Philadelphia Fed, due importanti indicatori per il settore manifatturiero. Per mercoledì segnaliamo inoltre il Beige Book della Fed e per giovedì il dato sulle costruzioni di nuove case (Housing Stars). Nessuno di questi dati dovrebbe però influenzare la decisione della Federal Reserve di fine giugno sui tassi d'interesse. Greenspan dovrebbe alzare per la nona volta consecutiva il tasso e portarlo al 3,25%.
Sul fronte societario domani è attesa la trimestrale di Lehman Brothers (US5249081002), mercoledì quella di Bear Stearns (US0739021089) e giovedì quella di Goldman Sachs (US38141G1040). Le trimestrali del settore del brokeraggio anticipano come d'abitudine la stagione degli utili. I risultati delle tre banche d'affari ci daranno delle prime indicazioni sulla prossima "earnings season" che partirà tra circa tre settimane. Giovedì presenterà i suoi dati di bilancio anche Adobe (US00724F1012). Gli investitori attendono nuove informazioni sulla fusione con Macromedia (US5561001059), vedi a proposito: Software: Adobe rileva Macromedia per 3,4 miliardi di dollari.




✅ Conosci il social trading di eToro? Con la funzione CopyTrader™ puoi investire copiando in automatico le strategie dei migliori trader del mondo! — Oggi puoi avere un conto Demo GRATUITO con 100.000€ di credito virtuale >>

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato