Petroliferi: CNOOC rinuncia ad Unocal

CONDIVIDI
CNOOC (HK0883013259) ha annunciato oggi di aver ritirato la sua offerta da $18,5 miliardi per Unocal (US9152891027). L'impresa cinese ha puntato il dito sulla forte pressione politica esercitata dalle autorità statunitensi: "senza precendenti e ingiustificabili". Il colosso petrolifero asiatico ha dichiarato di aver studiato la possibilità di aumentare ulteriormente la sua offerta. A causa dell'opposizione politica negli USA i rischi dell'operazione sarebbero diventati però insostenibili per i suoi impiegati ed azionisti. Secondo CNOOC la fusione sarebbe stata molto vantaggiosa per entrambe le imprese. Il nuovo gruppo si sarebbe potuto infatti concentrare sul mercato asiatico che presenta degli alti margini di crescita. Il ritiro di CNOOC lascia la via libera ora all'Opa di Chevron (US1667641005). Ricordiamo che quest'ultima aveva raggiunto un accordo di fusione con Unocal già ad inizio aprile, vedi: Petroliferi: ChevronTexaco rileva Unocal per 18 miliardi di dollari. A giugno CNOOC aveva presentato una controfferta per la compagnia californiana superiore di circa $1,5 miliardi a quella di Chevron. Per presunte "ragioni di sicurezza nazionale" molti esponenti politici americani si erano schierati subito contro una fusione tra la compagnia cinese e Unocal. La Camera dei Rappresentanti aveva espresso a larga maggioranza un parere negativo contro l'unione tra le due imprese e invitato gli organi amministrativi a bloccare l'Opa.
logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Team XTB. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro