Mercati USA: Cosa attendersi questa settimana

CONDIVIDI
La scorsa settimana il Dow Jones è rimasto invariato, l'S&P 500 ha guadagnato lo 0,2% e il Nasdaq Composite lo 0,5%. Dopo un inizio d'anno brillante i listini hanno rallentato durante le ultime sedute di borsa soprattutto a causa delle notizie negative provenienti dal fronte societario. Alcoa (US0138171014) ha aperto lunedì scorso la nuova stagione degli utili con una deludente trimestrale (vedi: Alcoa apre la nuova stagione degli utili con una deludente trimestrale). Colossi del calibro di Du Pont (US2635341090), Tyco (BM9021241064) e Lucent (US5494631071) hanno lanciato inoltre dei warning (vedi tra l'altro: Lucent taglia le stime sui ricavi per l'intero esercizio 2006). Il mercato è diventato perciò più prudente sulla crescita delle imprese statunitensi. Anche gli analisti hanno reagito. Le stime sull'aumento degli utili dell'S&P 500 durante il quarto trimestre 2005 sono scese in pochi mesi dal 16,6% al 13,2%. Se le previsioni dovessero venir confermate dai dati si tratterebbe pur sempre del decimo trimestre di fila che le principali aziende degli USA registrano una crescita a due chifre dei loro utili. Questa settimana è attesa la prima ondata di dati della nuova "earnings season". Oggi e nei prossimi giorni presenteranno i loro dati di bilancio cinquantatre compagnie dell'S&P 500 e sei del Dow Jones. Alcune trimestrali dovrebbero influenzare notevolmente non solo l'andamento di alcuni settori ma anche dell'intero mercato.
Oggi sono attese le trimestrali dei colossi
IBM (US4592001014), Intel (US4581401001) e Yahoo! (US9843321061). I riflettori saranno puntati in particolare sui dati di IBM. Durante le scorse settimane infatti alcuni analisti hanno espresso scetticismo sulla crescita del gigante dell'IT (vedi tra l'altro: IBM: UBS taglia il target sul prezzo e le stime per il 2006). Per quanto riguarda Intel non sono previste sorprese particolari. Ad inizio dicembre il consueto aggiornamento di metà  trimestre del leader dei semiconduttori non aveva potuto soddisfare le attese degli investitori (vedi: Intel: L'aggiornamento delle stime delude le attese). Gli analisti prevedono in media un fatturato di $10,56 miliardi ed un utile per azione di $0,43. L'attenzione del mercato si concentrerà  soprattutto sull'outlook sul corrente trimestre e sull'intero 2006. I dati di Yahoo! sono come sempre un'importante indicazione per tutto il settore Internet. Le attese del mercato sono molto alte dopo la performance vertiginosa del titolo della grande concorrente Google (US38259P5089). Secondo le previsioni degli analisti il segmento delle ricerche online dovrebbe aver registrato una forte crescita nell'ultimo trimestre dell'anno.
Per domani segnaliamo le trimestrali di AMD (US0079031078), Apple (US0378331005) ed eBay (US2786421030). Il corso delle azioni di AMD ha entusiasmato gli investitori durante gli scorsi mesi. Proprio la scorsa settimana però Deutsche Bank ha declassato il titolo spiegando che l'ottimismo sulle prospettive dell'impresa dei semiconduttori sarebbe esagerato (vedi: AMD: Deutsche Bank entra dura sul titolo). Molto attesa è la trimestrale di Apple. Steve Jobs, CEO di Apple, ha già  indicato martedì scorso che i ricavi dell'impresa della mela hanno raggiunto nel quarto trimestre 2005 un volume record (vedi: AMD: Deutsche Bank entra dura sul titolo). Sarà  interessante constatare se i dati e le previsioni che verranno comunicate domani potranno dare un'ulteriore spinta rialzista al titolo.
Giovedì le trimestrali più attese sono sicuramente quelle di Motorola (US6200761095) e Pfizer (US7170811035). Dopo aver vinto in tribunale contro il produttore indiano di farmaci generici Ranbaxy Laboratories
(USY7187Y1166) e dopo aver alzato notevolmente il suo dividendo Pfizer potrebbe sorprendere gli investitori con delle notizie positive sul suo processo di riassetto. Il titolo potrebbe continuare la sua ripresa (Pfizer è uno dei nostri dieci titoli per il 2006.
Venerdì presenteranno infine i loro dati di bilancio i colossi del Dow Jones
Citigroup (US1729671016) e General Electric (US3696041033).
Anche il calendario macroeconomico di questa settimana è particolarmente ricco. Oggi è in programma l'annuncio del dato sulla produzione industriale (Industrial Production), del dato sull'utilizzazione della capacità  produttiva (Capacity Utilization) e del NY Empire State Index. Per quanto riguarda il NY Empire State Index le previsioni sono di un calo dai 28,7 punti di dicembre a 22 punti.
Domani il Dipartimento del Lavoro comunicherà  uno dei dati pìu attesi della settimana: l'indice dei prezzi al consumo (CPI, Consumer Price Index). Dopo essere sceso dello 0,6% a novembre il CPI dovrebbe aver registrato a dicembre un aumento dello 0,2%. Il core CPI, l'indice depurato dalle più volatili variazioni dei prezzi di cibo ed energia, dovrebbe essere cresciuto, come a novembre, dello 0,2%. Il CPI è molto importante per poter valutare l'andamento dell'inflazione negli USA e quindi per poter cercare di indovinare le eventuali prossime mosse della Fed. Proprio domani è atteso anche il Beige Book della Banca Centrale Americana. Anche il rapporto potrebbe dare delle indicazioni sulla futura politica monetaria della Fed.
Oltre al consueto rapporto settimanale sulle richieste di sussidi alla disoccupazione (Jobless Claims) segnaliamo per giovedì l'annuncio del dato sulle costruzioni di nuove case (Housing Stars) e del Philadelphia Fed, uno dei principali indicatori del settore manifatturiero. Il Philadelphia Fed dovrebbe essere cresciuto dai 12,6 punti di dicembre a 13,4 punti.
Venerdì infine l'Università  del Michigan comunicherà  il suo indice preliminare sulla fiducia dei consumatori a gennaio. Le previsioni sono di un aumento dai 91,5 punti di dicembre a 93 punti.

Guadagnare investendo da casa ? Con la rivoluzione del Social Trading vedi chi sono i migliori investitori trader italiani e del mondo e inizi a copiare automaticamente dal loro portafoglio. Conto Demo gratuito per provare senza spendere 1€ Scopri i migliori trader su eToro con un Conto Demo Gratuito >>

Guadagnare investendo da casa ? Con la rivoluzione del Social Trading vedi chi sono i migliori investitori trader italiani e del mondo e inizi a copiare automaticamente dal loro portafoglio. Conto Demo gratuito per provare senza spendere 1€ Scopri i migliori trader su eToro con un Conto Demo Gratuito >>

iQOption
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro