Mercati USA: Cosa attendersi questa settimana

CONDIVIDI
La scorsa settimana i principali listini azionari statunitensi hanno registrato una performance contrastata. Il Dow Jones ha guadagnato lo 0,1%, l'S&P 500 è rimasto invariato ed il Nasdaq Composite ha perso il 2,1%. Su Wall Street hanno pesato soprattutto le perdite subite dai colossi dell'high-tech Intel (US4581401001), Apple (US0378331005), IBM (US4592001014) e Cisco Systems (US17275R1023). Intel ed Apple hanno presentato delle trimestrali superiori alle stime degli analisti, le loro previsioni sul corrente trimestre non hanno però potuto soddisfare le attese degli investitori. Anche la trimestrale di IBM ha superato le attese ma le vendite della sua divisione dell'hardware hanno registrato un debole andamento negli ultimi tre mesi dell'anno, una notizia che è stata accolta negativamente dal mercato. Su Cisco Systems si è invece abbattuta una pioggia di downgrades. La scorsa settimana Banc of America, Prudential e Merrill Lynch hanno tagliato il loro rating sul titolo del leader delle infrastrutture per le reti di Internet. La performance dei listini a Wall Street è stata frenata nelle ultime sedute di borsa anche dall'ulteriore calo del prezzo del petrolio, una circostanza che ha messo sotto pressione il settore dell'energia. Giovedì Il future sul Crude con scadenza a febbraio è sceso al NYMEX per la prima volta dal maggio del 2005 al di sotto dell'importante soglia psicologica dei $50 al barile. Nonostante il buon recupero di venerdì il Crude ha perso per l'intera settimana circa il 2%. I minerari, da parte loro, hanno sofferto l'ulteriore alta volatilità delle quotazioni dei principali metalli. Sul fronte macroeconomico molti dati hanno indicato che la salute dell'economia americana continua ad essere robusta. Per quanto riguarda l'inflazione l'indice dei prezzi alla produzione (PPI (Producer Price Index) ha superato, come già a novembre, nettamente le stime degli economisti mentre l'indice dei prezzi al consumo (CPI, Consumer Price Index) ha corrisposto alle attese.
L'attenzione degli investitori si concentrerà questa settimana sicuramente sul fronte societario. Il calendario macroeconomico è infatti povero di eventi mentre oggi e nei prossimi quattro giorni presenteranno i loro dati di bilancio più di cento imprese dell'S&P 500, tra cui nove del Dow Jones.
Oggi sono attese, tra l'altro, le trimestrali di American Express (US0258161092), Pfizer (US7170811035) e Texas Instruments (US8825081040). Oltre ai suoi dati di bilancio Pfizer dovrebbe annunciare delle nuove misure di ristrutturazione e dare delle informazioni riguardo la sua futura strategia.
Per domani segnaliamo le trimestrali di AMD (US0079031078), Bank of America (US0605051046), DuPont (US2635341090), Johnson & Johnson (US4781601046), Sun Microsystems (US8668101046) e Yahoo! (US9843321061). AMD ha già comunicato dieci giorni fa che i suoi risultati non potranno soddisfare le attese del mercato (vedi: Semiconduttori: AMD lancia warning). Se anche la grande rivale di Intel dovesse annunciare un debole outlook sul corrente trimestre allora tutto il settore dei semiconduttori dovrebbe di nuovo soffrire. Il sentiment su Yahoo! è ultimamente migliorato. I dati e l'outlook del colosso di Internet riveleranno se la recente solida ripresa del titolo è stata giustificata.
Le trimestrali più attese mercoledì sono quelle di eBay (US2786421030), Ford (US3453708600), McDonald's (US5801351017) e Qualcomm (US7475251036). Piper Jaffray ha espresso di recente scetticismo sull'andamento degli affari di eBay (vedi: eBay: Piper Jaffray raccomanda prudenza). McDonald's ha già annunciato la scorsa settimana che la sua crescita ha registrato un'accelerazione negli ultimi mesi del 2006. In seguito alla notizia il titolo ha superato per la prima volta dopo più di sette anni la soglia dei $45.
Giovedì sono in programma, tra l'altro, le trimestrali di Amgen (US0311621009), AT&T (US00206R1023), Dow Chemical (US2605431038) e Microsoft (US5949181045). Gli investitori non dovrebbero essere interessati solo ai dati di Dow Chemical. Venerdì scorso il "Financial Times" ha riportato infatti dei rumors secondo cui un gruppo di fondi di private equity potrebbe fare un'offerta per la prima impresa al mondo della chimica. I conti di Microsoft potrebbero far migliorare il sentiment sull'intero settore high-tech se dovessero veramente superare le previsioni come supposto da Goldman Sachs la settimana scorsa (vedi: Software: Goldman ottimista sulla trimestrale di Microsoft).
Venerdì infine i riflettori di Wall Street saranno puntati sui risultati di Caterpillar (US1491231015) ed Honeywell (US4385161066). I dati dei due giganti industriali ci dovrebbero dare delle importanti indicazioni sullo stato di salute del settore manifatturiero in generale.
Sul fronte macroeconomico oggi verranno comunicati i Leading Indicators sull'attività economica statunitense a dicembre. Le attese sono di un aumento dello 0,2%. Giovedì e venerdì sono in programma rispettivamente il dato sulle vendite di case esistenti (Existing Home Sales) e quello sulle vendite di nuove case (New Home Sales). Entrambi i dati, relativi al mese di dicembre, dovrebbero segnalare un'ulteriore ripresa del mercato immobiliare negli USA. Sempre venerdì il Dipartimento del Commercio pubblicherà il dato di dicembre sugli ordini di beni durevoli (Durable Goods Orders). Grazie alle importanti commesse ricevute da Boeing (US0970231058) gli ordini di beni durevoli dovrebbero essere aumentati lo scorso mese negli Stati Uniti di ben il 3,5%. Segnaliamo infine per martedì un evento politico che potrebbe influenzare l'andamento di Wall Street: lo "State of the Union", il tradizionale discorso annuale alla nazione del Presidente degli USA. In occasione di questo discorso George W. Bush dovrebbe dare, tra l'altro, delle indicazioni sull'ulteriore politica energetica, fiscale e sanitaria del suo governo. Qui sotto una lista con le principali trimestrali in programma questa settimana:

Lunedì 22 gennaio
American Express (US0258161092) Eaton (US2780581029) Pfizer (US7170811035) Texas Instruments (US8825081040)

Martedì 23 gennaio
AK Steel (US0015471081) AMD (US0079031078) Avaya (US0534991098) Bank of America (US0605051046) Centex (US1523121044) Citrix (US1773761002) Coach (US1897541041) CSX (US1264081035) D.R. Horton (US23331A1097) DuPont (US2635341090) EMC (US2686481027) Energizer (US29266R1086) Johnson & Johnson (US4781601046) Hyperion (US44914M1045) QLogic (US7472771010) Rayonier (US7549071030) RF Micro Devices (US7499411004) Seagate Technology (KYG7945J1040) Sun Microsystems (US8668101046) Tellabs (US8796641004) United Technologies (US9130171096) Wachovia (US9299031024) Xerox (US9841211033) Yahoo! (US9843321061) Zions Bancorp (US9897011071)

Mercoledì 24 gennaio
Abbott Laboratories (US0028241000) Allegheny Technologies (US01741R1023) AmeriSourceBergen (US03073E1055) Check Point Software (IL0010824113)Corning (US2193501051) ConocoPhillips (US20825C1045) eBay (US2786421030) Exelon (US30161N1019) Ford (US3453708600) F5 Networks (US3156161024) General Dynamics (US3695501086) Intersil (US46069S1096) LSI Logic (US5021611026) McDonald's (US5801351017) Netflix (US64110L1061) Novellus Systems (US6700081010) Qualcomm (US7475251036) Rambus (US7509171069) Smurfit-Stone (US8327271016) Steel Dynamics (US8581191009) Symantec (US8715031089) Teradyne (US8807701029) WellPoint (US94973V1070)

Giovedì 25 gennaio
Amgen (US0311621009)
AT&T (US00206R1023) Baxter (US0718134069) Bristol-Myers Squibb (US1101221083) Cardinal Health (US14149Y1082) Compuware (US2056381096) Cypress (US2328061096) Dow Chemical (US2605431038) Dow Jones & Co. (US2605611050) Eastman Chemical (US2774321002) ImClone (US45245W1099) International Rectifier (US4602541058) Kimberly Clark (US4943681035) Lockheed Martin (US5398301094) Microsoft (US5949181045) Northrop Grumman (US6668071029) Nucor (US6703461052) Peabody Energy (US7045491047) Southern Company (US8425871071) St. Jude Medical (US7908491035) (US8636671013) SunPower (US8676521094) TSMC (US8740391003) Union Pacific (US9078181081) Western Digital (US9581021055)

Venerdì 26 gennaio
Caterpillar (US1491231015) CDW (US12512N1054) Honeywell (US4385161066)
logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Team XTB. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro