Mercati USA: Cosa attendersi questa settimana

L'evento centrale della nuova settimana borsistica a Wall Street è la riunione del FOMC. Molto attesa è anche la trimestrale di Cisco.

CONDIVIDI
Anche la scorsa settimana i mercati azionari statunitensi hanno registrato una performance negativa. Il Dow Jones ha perso lo 0,7%, l'S&P 500 l'1,8% ed il Nasdaq Composite il 2%. Sui listini ha continuato a pesare la crisi del settore dei mutui ipotecari. Venerdì Wall Street è stata colpita da una pioggia di vendite dopo che Standard & Poor's ha rivisto da "stabile" a "negativo" il suo outlook su Bear Stearns (US0739021089) a causa della sua elevata esposizione nel segmento dei mutui subprime e dopo che i deboli dati sul mercato del lavoro hanno fatto aumentare i timori legati alle possibili conseguenze della crisi del settore ipotecario per l'intera economia statunitense. La tensione è estremamente alta a Wall Street e tutto sembra indicare che la volatilità debba continuare a restare elevata. L'evento centrale della settimana borsistica che inizia oggi è la riunione del FOMC (Federal Open Market Committee) di domani. Il comitato esecutivo della Fed dovrebbe lasciare i suoi tassi d'interesse ancora invariati, l'abituale nota che accompagna la sua decisione potrebbe essere però decisiva per l'ulteriore andamento dei mercati. A seconda di come verranno interpretate le parole del FOMC dagli investitori la tensione a Wall Street potrebbe calare oppure aumentare. Al momento è molto difficile cercare di prevedere quale sarà la reazione del mercato. Se il FOMC dovesse porre nella sua nota ancora una volta l'accento sui rischi inflazionistici il sentiment sui mercati potrebbe ulteriormente peggiorare. La stessa cosa potrebbe d'altra parte succedere se il FOMC dovesse citare la crisi dei mutui subprime ed i suoi possibili rischi per l'economia. Il calendario macroeconomico di questa settimana è altrimenti piuttosto povero. Sempre per martedì sono attesi i dati preliminari sulla produttività dei lavoratori e sui costi per unità di produzione (Productivity and Costs) durante il secondo trimestre. Secondo le stime degli economisti la produttività dovrebbe essere cresciuta lo scorso trimestre negli USA del 2%. Mercoledì è in programma l'annuncio del dato di giugno sulle scorte dei grossisti (Wholesale Inventories). Le previsioni sono di un aumento dello 0,4%. Venerdì infine verranno pubblicati i dati di luglio sui prezzi alle importazioni ed esportazioni (Import and Export Prices) ed il dato sul bilancio pubblico (Treasury Budget).
Sul fronte societario la "earnings season" si avvia ormai alla fine. Già 409 delle imprese dell'S&P 500 hanno comunicato i loro dati di bilancio. La trimestrale più attesa della settimana è sicuramente quella di Cisco Systems (US17275R1023). Il colosso dell'high-tech pubblica i suoi risultati domani dopo la chiusura delle contrattazioni al Nasdaq. Le attese sono di $0,35 per azione. Il titolo è rimasto ultimamente piuttosto stabile nonostante le forti turbolenze sui mercati (sulla situazione tecnica di Cisco vedi: Mercati USA - Titoli caldi: Cisco, Akamai e Nvidia). Se da Cisco dovessero arrivare delle notizie positive allora non solo l'intero high-tech potrebbe registrare un forte rimbalzo. Tra le altre trimestrali di questa settimana segnaliamo per mercoledì quelle di AIG (US0268741073) e di Sprint-Nextel (US8520611000), rispettivamente prima impresa delle assicurazioni al mondo e terzo operatore statunitense delle telecomunicazioni.
logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Team XTB. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro