Oppenheimer: Il peggio della crisi del mercato del credito potrebbe ancora arrivare

Oppenheimer teme che le banche statunitensi possano essere costrette ad accantonare più di $170 miliardi fino alla fine del 2009.

Oppenheimer continua a vedere nero nel futuro del settore bancario statunitense. Secondo il broker il peggio della crisi del mercato del credito potrebbe ancora arrivare. Oppenheimer teme che le banche statunitensi possano essere costrette ad accantonare più di $170 miliardi fino alla fine del 2009. Oppenheimer indica che il mercato dei prestiti cartolarizzati resta chiuso per la maggior parte delle classi di assets. I consumatori non saranno quindi in grado di pagare i loro debiti con dei nuovi crediti. Le inadempienze dovrebbero perciò notevolmente aumentare e di conseguenza anche le perdite delle banche. Oppenheimer osserva inoltre che le autorità di regolamentazione intendono aumentare la trasparenza nell'industria delle carte di credito. Questa circostanza spingerà le banche ad alzare i tassi d'interesse per i loro prestiti e a tagliare il volume dei crediti a disposizione dei consumatori. Oppenheimer crede perciò che la somma dei crediti accessibili ai consumatori si dimezzerà. Per questi motivi Oppenheimer ha tagliato sensibilmente le sue stime sugli utili delle principali banche statunitensi.
©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

BDSWISS