Macroeconomia: I dati sui prezzi al consumo non riservano grandi sorprese

I dati hanno corrisposto in gran parte alle previsioni degli economisti.

CONDIVIDI
Il Dipartimento del Lavoro ha appena comunicato che l'indice dei prezzi al consumo (CPI, Consumer Price Index) è aumentato a maggio dello 0,6%. Si è trattato del più forte incremento degli ultimi sei mesi. Gli economisti avevano atteso un aumento dello 0,5%. Il CPI core, l'indice depurato dalle più volatili variazioni dei prezzi di cibo ed energia, è salito dello 0,2%. Il dato ha corrisposto esattamente alle previsioni degli economisti. La notizia potrebbe tranquillizzare il mercato. Il CPI core segnala infatti che la pressione inflazionistica è, per il momento, negli USA ancora moderata.
logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Team XTB. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro