Il prezzo del petrolio crolla di nuovo, registra maggiore perdita settimanale dal 1991

Il greggio ha chiuso in calo del 6,5%. Durante l'intera ottava le quotazioni dell'oro nero hanno perso il 25%.

CONDIVIDI
Il prezzo del petrolio ha continuato oggi la sua caduta nel vuoto. Il future sul Crude con scadenza gennaio ha chiuso al NYMEX in calo del 6,5% a $40,81 al barile. Era da quattro anni che le quotazioni dell'oro nero non scendevano a tali livelli. Per il greggio si è trattato inoltre della sesta seduta negativa di fila. Durante l'intera ottava il prezzo del petrolio ha perso il 25%. Era dall'inizio della Guerra del Golfo nel gennaio del 1991 che il prezzo del petrolio non registrava tali perdite in una settimana. Le pessime notizie arrivate dal fronte macroeconomico hanno scatenato una nuova pioggia di vendite sull'intero mercato delle commodities. Il Dipartimento del Lavoro degli USA ha comunicato oggi che lo scorso mese sono andati persi nel settore non agricolo 533.000 impieghi (Nonfarm Payrolls). Si è trattato della più forte flessione degli ultimi trentaquattro anni. La notizia ha fatto aumentare i timori del mercato relativi ad una possibile "depressione" negli Stati Uniti.
logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Team XTB. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro