Chrysler dichiara bancarotta, stringe accordo con Fiat

Il gruppo italiano riceverà in un primo momento il 20% del costruttore statunitense di automobili.

Ora è ufficiale. Chrysler ricorrerà alla protezione del Chapter 11 del diritto fallimentare statunitense. Il terzo produttore degli USA non ha potuto raggiungere un accordo con alcuni suoi creditori che hanno rifiutato anche una nuova, migliore offerta in contanti. In una conferenza stampa un funzionario dell'amministrazione Obama ha dichiarato di non credere che il ricorso al Chapter 11 danneggerà il gruppo. Chrysler uscirà dalla bancarotta rafforzata e più competitiva. Chrysler dovrebbe rimanere in amministrazione controllata 30-60 giorni. Il procedimento non dovrebbe avere alcun impatto negativo sul business quotidano di Chrysler. Sempre lo stesso funzionario ha annunciato che è stato raggiunto un accordo con Fiat (IT0001976403). L'impresa italiana riceverà dapprima il 20% di Chrysler e potrà salire in seguito al 35% se saranno raggiunti alcuni obiettivi. Poco fa lo stesso Presidente Barack Obama ha confermato la bancarotta di Chrysler e l'intesa con Fiat. Obama ha osservato, tra l'altro, che la fusione è l'unica salvezza per Chrysler e che la Fiat si è impegnata a costruire auto pulite.




✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community, la funziona CopyTrader™ ti permette di copiare in automatico le strategie dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
Plus500

Reagisci alla volatilità dei mercati

Il sell-off del mercato globale continua con l'evolversi di una potenziale crisi finanziaria e occasioni di acquisto/entrata sui mercati finanziari.

Non perdere la tua prossima opportunità:

Usa i nostri strumenti e caratteristiche avanzate per acquisire il controllo del tuo conto:

PROVA GRATIS