Recessione negli USA – Quali le probabilità nei prossimi dodici mesi?

Sapendo quanto possano essere inattendibili gli indicatori economici delle banche centrali e avendo già analizzato le bizzarre previsioni del Fondo Monetario Internazionale, preferiamo prendere le stime con un pizzico di buon senso. Dagli anni Ottanta, però, sono emerse consistenti prove empiriche della capacità del mercato obbligazionario di prevedere l’andamento dell’economia reale.
È stata infatti dimostrata una costante relazione negativa fra l’inclinazione della curva dei rendimenti e l’attività economica negli USA, con un intervallo di circa 1-1,5 anni. Analizzando la differenza fra i tassi sui Treasury a 10 anni e a 3 mesi (nota anche come yield-curve spread), è possibile calcolare la probabilità di una recessione negli USA nei prossimi 12 mesi. Secondo la teoria, un inasprimento monetario aumenta i tassi a breve termine, con il conseguente appiattimento (o inversione) della curva dei rendimenti nel contesto di una decelerazione dell’economia e di un calo della domanda di credito. A quel punto possono ridimensionarsi anche le attese di inflazione.
La ricerca dimostra che il profilo della curva è riuscito ad anticipare quasi ogni recessione americana dal 1950, salvo un “falso” segnale prima della crisi creditizia e del calo della produzione nel 1967. La stessa correlazione è stata evidenziata in altri Paesi come Germania e Regno Unito.
Una volta assodato il potere predittivo della curva dei rendimenti, naturalmente gli economisti hanno voluto valutare che cosa dicesse la curva circa le probabilità di recessione. Nel 1996, gli economisti della Federal Reserve Bank of New York hanno stimato la probabilità di recessione sulla base del già citato yield-curve spread.
Fortunatamente, la ricerca della Federal Reserve Bank of New York viene aggiornata periodicamente. Qual è dunque la probabilità di recessione nei prossimi 12 mesi secondo il mercato obbligazionario? Per essere precisi, il 5,38% (una percentuale forse più bassa del dovuto per effetto di misure di quantitative easing senza precedenti nella politica della Fed).
Alcuni economisti sono pronti a giurare sulle facoltà profetiche della curva dei rendimenti. Altri sostengono invece che la curva abbia perso parte del proprio potere predittivo a causa di altri fattori che influiscono sul segmento a lunga scadenza, come l’allentamento quantitativo, il cambio fisso fra il dollaro e alcune valute e le normative. Ma la regola generale per cui la differenza fra tassi dei Treasury a 10 anni e a 3 mesi diventa negativa prima di una recessione vale ancora, come dimostrano i valori rilevati prima delle crisi del 1990-1991, 2001 e 2008. Forse l’enigma dei tassi a lungo termine di Alan Greenspan non era dovuto a quello che Ben Bernanke ha definito un “eccesso di risparmio globale”. Semmai, la curva dei rendimenti ci stava avvertendo di un aumento del rischio di recessione – fra gennaio 2006 e gennaio 2008, infatti, le probabilità di recessione sono salite dal 4,5% al 38%.
La curva dei rendimenti resta insomma uno strumento prezioso per gli investitori. Non possiamo certo ignorarne la sua capacità di prevedere una recessione. Stiamo quindi attenti se subirà un’altra inversione.

Migliori Broker Trading

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
Dukascopy
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Le ultime news su Borsa Americana

Copia dai migliori traders

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.