Roubini: L'oro è una reliquia barbarica, scenderà sotto $1.000

roubini-loro-e-una-reliquia-barbarica-scendera-sotto-1.000
L'oro, per Roubini una reliquia barbarica. © Shutterstock

Roubini è decisamente pessimista sulle prospettive del metallo giallo.

CONDIVIDI

Nouriel Roubini è decisamente pessimista sulle prospettive del prezzo dell'oro. Il noto economista statunitense crede che il metallo giallo scenderà entro il 2015 al di sotto di $1.000 l'oncia. Roubini indica sei motivi per il suo pessimismo relativo al prezzo dell'oro.
Primo: L'oro non può essere considerato un "porto sicuro". Gli anni 2008-2009 hanno mostrato che il suo valore può scendere significativamente anche nei periodi di grandi crisi.
Secondo: I bassi rischi di inflazione nonostante le espansive politiche monetarie delle banche centrali.
Terzo: L'economia globale si sta riprendendo, gli investitori si stanno di conseguenza orientando verso altri asset che sono più redditizi.
Quarto: I tassi d'interesse reali stanno aumentando perchè i mercati si attendono che gli stimoli monetari verranno ridotti.
Quinto: I Paesi fortemente indebitati, come l'Italia, potrebbero vendere le loro riserve d'oro per ridurre il loro debito.
Sesto: Le forze conservatrici negli USA hanno talmente esaltato l'oro come protezione contro il rischio che il governo possa espropriare i patrimoni che ciò è diventato controproducente.
Secondo Roubini l'oro rimarrebbe una "reliquia barbarica", senza alcun valore intrinseco, utilizzata per proteggersi da paure irrazionali e dal panico. Roubini crede che gli investitori possano salvaguardarsi dai rischi estremi, che a suo avviso si sono ridotti, in altro modo.

Apri un conto demo GRATUITO e illimitato su IQOption
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro