FMI taglia ancora previsioni PIL globale, vede rischi al ribasso

fmi-taglia-ancora-previsioni-pil-globale-vede-rischi-al-ribasso
Per l'FMI la crescita globale è ancora debole. © Shutterstock

L'FMI prevede ora per il 2013 una crescita inferiore al 3%. L'FMI vede rischi in rallentamento Cina, in politica monetaria USA e stagnazione zona euro.

CONDIVIDI

Il Fondo Monetario Internazionale (FMI) ha tagliato per la quarta volta dall'inizio dell'anno le sue previsioni di crescita. L'organizzazione con sede a Washinghton prevede ora per il 2013 un aumento del PIL globale del 2,9% e per il 2014 del 3,6%. Si tratta di una revisione al ribasso rispettivamente dello 0,3% e dello 0,2% rispetto a quanto indicato a luglio.

Nel nuovo "World Economic Outlook", che verrà pubblicato ufficialmente la prossima settimana, l'FMI avverte che la crescita mondiale è ancora debole e i rischi al ribasso sono diventati più pronunciati. Tra questi l'FMI cita le conseguenze del rallentamento della Cina, della politica monetaria degli USA e di una possibile stagnazione nella zona euro. Secondo l'FMI, inoltre, anche le tensioni geopolitiche potrebbero frenare la crescita.

Per quanto riguarda l'Eurozona l'FMI sottolinea che è fondamentale rafforzare l'unione monetaria. Per l'FMI soprattutto l'unione bancaria sarà cruciale e dovrà comprendere una meccanismo unico di supervisione e risoluzione delle crisi. I tecnici di Washington invitano ancora una volta la BCE a valutare un ulteriore supporto di politica monetaria.

A preoccupare l'FMI è anche l'esercito di disoccupati. L'FMI prevede che il tasso di disoccupazione resterà a un livello inaccettabilmente elevato in molte economie avanzate e in alcuni Paesi emergenti.

Per l'Italia l'FMI ha confermato di attendersi nel 2013 una contrazione dell'economia dell'1,8% e nel 2014 una crescita dello 0,7%. Le previsioni dell'FMI sono peggiori di quelle del governo italiano. Proprio ieri l'esecutivo di Enrico Letta ha rivisto al ribasso le sue stime per il 2013 da -1,3% a -1,7% e per il 2014 da +1,3% a +1%.

In Italia il numero dei senza lavoro dovrebbe rimanere a dei livelli record. L'FMI si attende che il tasso di disoccupazione salirà dal 10,7% del 2012 al 12,6% nel 2013. Nel 2014 ci dovrebbe essere solo un leggero calo al 12,4%.

Apri un conto demo GRATUITO e illimitato su IQOption
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro