Procter & Gamble, secondo trimestre in chiaro scuro

procter--gamble-secondo-trimestre-in-chiaro-scuro
Il logo di Procter & Gamble.

L'utile adjusted di Procter & Gamble ha superato leggermente le previsioni, i ricavi sono però aumentati meno delle attese. Crescita organica pari al 3%.

Procter & Gamble (US7427181091) ha annunciato oggi che nel secondo trimestre fiscale terminato lo scorso 31 dicembre il suo utile netto è calato del 16% a $3,43 miliardi, pari a $1,18 per azione. A pesare è stato l'apprezzamento del dollaro. Procter & Gamble aveva inoltre registrato nello stesso periodo del precedente esercizio un beneficio straordinario di $0,21 derivante dal buyout della sua joint venture in Spagna.

Su base adjusted l'utile del primo produttore al mondo di beni di consumo ha ammontato lo scorso trimestre a $1,21 per azione. I ricavi sono aumentati dello 0,5% a $22,28 miliardi. Gli analisti avevano previsto un utile di $1,20 per azione e ricavi di $22,34 miliardi.

A sostenere la performance di Procter & Gamble è stata la solida domanda nei Paesi emergenti. Il gruppo statunitense ha registrato lo scorso trimestre una crescita organica dei ricavi del 3%.

Procter & Gamble ha confermato di attendersi per il corrente esercizio un aumento dell'utile adjusted per azione tra il 5% e il 7% e dei ricavi su base organica tra il 3% e il 4%.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

BDSWISS