Metalli: Il rame rimbalza, l'oro resta debole

metalli-il-rame-rimbalza-loro-resta-debole
Nella foto: cavi di rame. © Shutterstock

Il prezzo del rame ha guadagnato durante l'intera settimana il 3,1%. Oro ancora debole. Pesano i timori legati alla politica monetaria della Fed.

CONDIVIDI

Il prezzo del rame ha continuato oggi a recuperare terreno. Il future con scadenza maggio ha guadagnato al NYMEX l'1,6% a $3,0415 a libra. Durante l'intera settimana il rame si è apprezzato del 3,1%. Si è trattato della migliore performance settimanale da sei mesi.

Il Premier cinese, Li Keqiang, ha dichiarato che il suo governo ha a disposizione gli strumenti per far fronte alla volatilità dell'economia e non può ignorare le difficoltà ed i rischi derivanti dal rallentamento della crescita. Li ha aggiunto che la Cina accelererà gli investimenti nelle ferrovie e nella rete stradale e prenderà delle misure per sostenere lo sviluppo dell'attività imprenditoriale.

Le parole di Li hanno acceso la speculazione su un aumento della domanda di rame. La Cina è infatti il principale consumatore mondiale del metallo rosso.

Oro ancora debole

Mentre il prezzo del rame è rimbalzato, quello dell'oro è stato anche oggi debole. Il future con scadenza aprile ha perso $0,50 a $1.294.30 l'oncia. Si tratta del più basso livello dall'11 febbraio scorso. Durante l'intera settimana il prezzo dell'oro ha perso il 3,1%.

Gli ultimi dati macroeconomici pubblicati negli USA hanno segnalato che la ripresa dell'economia sta continuando. A Wall Street si è di conseguenza rafforzata l'aspettativa che la Federal Reserve alzerà i tassi d'interesse prima del previsto.

Un aumento del costo del denaro negli USA è negativo per l'oro perchè riduce i rischi di inflazione e rafforza il dollaro.

Tra gli altri principali metalli l'argento ha perso durante l'intera settimana il 2,6%, il platino il 2,2% e il palladio il 2%.

Apri un conto demo GRATUITO e illimitato su IQOption
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro