Petrolio: Caduta senza fine, Goldman e SocGen tagliano l'outlook

Petrolio: Caduta senza fine, Goldman e SocGen tagliano l'outlook
Nuovo crollo del prezzo del petrolio. © Shutterstock

Il WTI e il Brent hanno perso rispettivamente il 4,7% e il 5,4%. Goldman ha tagliato le sue previsioni sul prezzo medio del Brent nel 2015 a $50,40.

CONDIVIDI

Nuovo crollo del prezzo del petrolio. Il future sul WTI con scadenza febbraio ha perso al NYMEX il 4,7% a $46,07 al barile. Si tratta del più basso livello dal 20 aprile del 2009.

Il future sul Brent con scadenza febbraio ha chiuso all'ICE in ribasso del 5,4% a $47,43 al barile. Era dal 16 marzo del 2009 che il benchmark europeo non chiudeva a tali livelli.

Goldman Sachs si attende che il prezzo del petrolio scenderà ancora. La banca d'affari ha tagliato le sue previsioni sul Brent nel 2015 da $83,75 a $50,40 al barile e sul WTI da $73,75 a $47,15 al barile. Gli investitori danno molto credito a Goldman Sachs da quando predisse per prima che il petrolio avrebbe superato quota $100 al barile, fatto che si verificò nel febbraio del 2008. Gli analisti stimano che il mercato petrolifero avrà bisogno di più tempo per ritrovare un equilibrio a causa delle elevate capacità di stoccaggio negli USA.

Anche Société Générale ha tagliato le sue previsioni sul prezzo del petrolio. La banca d'affari francese prevede ora per quest'anno che il Brent quoterà in media a $55 al barile e il WTI a $51 al barile. Si tratta, rispetto alla precedente previsione, di una riduzione di $15 per il Brent e di $14 per il WTI.

Infine è intervenuto pure il principe Al-Waleed bin Talal ad alimentare il sentiment negativo sul petrolio. In un'intervista pubblicata nel quotidiano "USA Today", il finanziere e miliardario saudita ha dichiarato di "essere sicuro che non rivedremo mai più quotazioni di $100 al barile".

Apri un conto demo GRATUITO e illimitato su IQOption
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro