etoro

FMI taglia stime crescita globale, in aumento rischi stagnazione

FMI taglia stime crescita globale, in aumento rischi stagnazione
Il FMI ha tagliato di nuovo le sue stime di crescita. © Shutterstock

Il FMI prevede ora per il 2016 un aumento del PIL globale del 3,2% e per il 2017 del 3,5%.

Il Fondo Monetario Internazionale (FMI) ha tagliato le sue stime di crescita a causa della volatilità dei mercati finanziari, del rallentamento nelle economie sviluppate e delle persistenti difficoltà dei Paesi emergenti.

L’istituzione con sede a Washington avverte nel suo ultimo rapporto trimestrale che i rischi di stagnazione sono aumentati e che la debole crescita rende l’economia più vulnerabile a shock come il deprezzamento delle valute o i conflitti geopolitici.

Il FMI prevede ora per il 2016 un aumento del PIL globale del 3,2% e per il 2017 del 3,5%. Nell'Economic Outlook di gennaio era stato previsto per quest'anno un aumento del 3,4% e per il prossimo del 3,6%.

Le stime per gli USA sono state riviste per il 2016 a +2,4% e per il 2017 a +2,5%, dal +2,6% previsto per entrambi gli anni tre mesi fa.

Tagliate anche le stime per la zona euro, all'1,5% per il 2016 e all'1,6% per il 2017 (rispetto al +1,7% precedentemente indicato per entrambi gli anni). Per la sola Italia il FMI prevede una crescita dell’1% per quest’anno (da +1,3%) e dell’1,1% per il prossimo (da +1,2%).

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

BDSWISS