Il prezzo dell'oro chiude ai minimi da due mesi, pesano timori tassi

Il prezzo dell'oro chiude ai minimi da due mesi, pesano timori tassi
Il prezzo dell'oro ha chiuso in ribasso. © Shutterstock

Dal vicepresidente della Fed sono arrivati segnali da falco. Il future sull'oro con scadenza dicembre ha perso al Comex lo 0,8%.

CONDIVIDI

Il prezzo dell'oro ha chiuso oggi a New York ai minimi da due mesi. Il future con scadenza dicembre ha perso al Comex lo 0,8% a $1.316,50 l'oncia. Si tratta del più basso livello dallo scorso 23 giugno.

A pesare sulla quotazione dell’oro sono stati i segnali da falco arrivati da Stanley Fischer. In un'intervista a Bloomberg TV il vicepresidente della Federal Reserve ha affermato che il mercato statunitense del lavoro è prossimo al pieno regime e che le scelte di politica monetaria vengono decise sulla base dei dati macroeconomici. Le parole di Fischer hanno acceso la speculazione su un possibile rialzo dei tassi d'interesse già a settembre.

Un inasprimento monetario negli Stati Uniti è negativo per l’oro perché riduce i rischi di inflazione e rafforza il dollaro. La valuta statunitense si è apprezzata anche oggi. Il Dollar Index è salito oggi fino a 96,14 punti, da 95,57 punti di ieri. Se il dollaro si apprezza le materie prime denominate nel biglietto verde, come l’oro, diventano meno appetibili per chi possiede altre divise. Apri un conto demo GRATUITO e illimitato su IQOption

Tra gli altri principali metalli preziosi, l'argento ha perso oggi l’1%, il platino il 2,3% e il palladio il 3%.

Hodly
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
iqOption