Prezzi petrolio ai minimi da due settimane, pesa crescita produzione USA

Prezzi petrolio ai minimi da due settimane, pesa crescita produzione USA
I prezzi del petrolio hanno chiuso anche oggi in forte flessione. © iStockPhoto

Il WTI ed il Brent hanno perso rispettivamente il 2,9% e il 2,7%.

CONDIVIDI

Il prezzo del petrolio ha chiuso anche oggi in forte flessione. Il future sul WTI con scadenza ottobre ha perso al NYMEX il 2,9% a $43,58 al barile. Si tratta del più basso livello dal 1 settembre. Il future sul Brent con scadenza novembre è sceso all’ICE del 2,7% a $45,85 al barile. Anche per il benchmark europeo si tratta del più basso livello dal primo giorno del mese.

Le scorte statunitensi di petrolio sono inaspettatamente calate la scorsa settimana di circa 0,6 milioni di barili. La notizia ha potuto sostenere solo temporaneamente le quotazioni. Dai dati dell’EIA (Energy Information Administration) è infatti anche emerso che la produzione degli Stati Uniti è cresciuta la scorsa settimana di 35.000 barili al giorno a 8,493 milioni di barili al giorno. Le scorte di benzina e di distillati sono inoltre aumentate più delle previsioni. Apri un conto demo GRATUITO e illimitato su IQOption

Gli investitori temono di conseguenza che l’offerta da parte degli Stati Uniti rimarrà elevata. Nel suo nuovo rapporto mensile, pubblicato lunedì, l'OPEC aveva alzato le stime sulla produzione dei Paesi non-OPEC nel 2016 perché l’attività produttiva americana è stata finora superiore alle attese.

Hodly
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
iqOption