Petrolio: Prezzi in netto rialzo dopo dati API su scorte

Petrolio: Prezzi in netto rialzo dopo dati API su scorte
I prezzi del petrolio salgono di circa l'1%. © Shutterstock

L’API stima che le scorte statunitensi di petrolio siano calate la scorsa settimana di 7,6 milioni di barili. WTI verso 50 dollari al barile.

CONDIVIDI

I prezzi del petrolio sono in netto rialzo dopo che i dati dell’API (American Petroleum Institute) hanno evidenziato una forte flessione delle scorte statunitensi di greggio. Il Brent guadagna al momento lo 0,9% a $51,33, mentre il WTI sale dell’1% a $49,16.

L’API stima che le scorte statunitensi di petrolio siano calate la scorsa settimana di 7,6 milioni di barili. Gli analisti avevano previsto invece un aumento di 1,5 milioni di barili. Si tratta del quinto calo settimanale consecutivo delle scorte in un periodo in cui abitualmente la domanda è bassa e le riserve di conseguenza crescono. Le scorte di benzina sono d’altra parte aumentate la scorsa settimana di 2 milioni di barili, mentre gli analisti avevano previsto un aumento di soli 500.000 barili.

Le scorte al terminale di Cushing sono cresciute di 400.000 di barili, contro i 100.000 barili attesi dagli esperti. Nella settimana precedente le scorte nel più grande centro di stoccaggio di greggio nell'America del Nord erano scese ai minimi da 10 mesi, incrementando l’aspettativa di un aumento del prezzo del WTI.

L'EIA (Energy Information Administration) pubblicherà i dati ufficiali sulle scorte di petrolio e prodotti derivati oggi alle 16:30 (ora italiana). Apri un conto demo GRATUITO e illimitato su IQOption

Dopo un rally di quattro sedute, dovuto all’accordo dell’OPEC su un taglio delle produzione, i prezzi del petrolio avevano chiuso ieri in leggero ribasso. Il Brent aveva finito la sessione all’ICE a $50,87 al barile, in calo dello 0,1% rispetto al giorno prima. Il WTI aveva perso lo 0,2% a $48,69.

Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
iqOption