Il prezzo dell’oro fallisce il rimbalzo e aggiorna i minimi dalla Brexit

Il prezzo dell’oro ha chiuso oggi in lieve ribasso. Il future con scadenza dicembre ha perso al Comex lo 0,1% a 1.268,60 dollari l’oncia, aggiornando i minimi dallo scorso 23 giugno, il giorno in cui si è tenuto il referendum sulla Brexit.

Dopo il crollo di ieri la quotazione dell’oro ha tentato il rimbalzo ma non è riuscita a rimanere in terreno positivo. L’indice ISM relativo al settore non manifatturiero statunitense è balzato a settembre ai massimi da 11 mesi. La notizia ha incrementato l’aspettativa degli investitori che la Fed alzerà i tassi prima della fine dell’anno. Una stretta monetaria negli Stati Uniti è negativa per l’oro perché rafforza il dollaro e riduce i rischi di inflazione.

Nonostante il recente sell-off, Credit Suisse resta ottimista sulle prospettive del metallo giallo. “Continuiamo a ritenere che il contesto macroeconomico sia positivo per la domanda di oro”, si legge in una nota. In particolare, la banca d’affari si attende che la domanda di investimenti in oro verrà sostenuta dai tassi d’interesse negativi negli USA e a livello globale in gran parte della curva dei rendimenti. Gli analisti indicano inoltre che l’aumento dei timori legati alla Brexit potrebbe spingere ulteriormente gli acquisti di oro fisico in Europa nel quarto trimestre. Infine, il team del reddito fisso di Credit Suisse continua a prevedere che la Fed non alzerà i tassi fino al maggio del 2017.

Anche TD Securities punta ancora sull’oro. “Visto che la ricerca di rendimenti a livello globale probabilmente continuerà e considerando che i rialzi dei tassi da parte della Fed sono limitati, il metallo giallo potrebbe essere una buona occasione d’acquisto in un periodo in cui il petrolio e l’inflazione tendono verso l’alto”, ha spiegato la casa d’investimento. “Dopotutto – ha aggiunto – è improbabile che i tassi di interesse reali registrino un forte aumento e che l’oro diventi eccessivamente caro rispetto ad altri asset. Anche le incertezze sui mercati azionari potrebbero spingere gli investitori a cercare di avere un asset con una correlazione negativa con le azioni”.

Tra gli altri principali metalli, l’argento ha perso oggi lo 0,5% a $17,69 l’oncia, il palladio il 3,4% a $675,60 l’oncia, il platino l’1,4% a $976,60 l’oncia e il rame lo 0,1% a $2,165 per libra.

Rimani aggiornato con guide e iniziative esclusive per gli iscritti!

Telegram

Migliori Broker Trading

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
Dukascopy
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.

Le ultime news su Borsa Americana

Copia dai migliori traders

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.