Petrolio, ministro Algeria: OPEC punta a un prezzo del barile di 55 dollari

L’OPEC punta ad un prezzo del petrolio di 55 dollari al barile. Lo ha dichiarato il ministro algerino dell’Energia Noureddine Boutarfa, aggiungendo che il cartello potrebbe ancora ridurre l’annunciato tetto di produzione, se necessario.

L’OPEC ha raggiunto la scorsa settimana ad Algeri un accordo preliminare per limitare la sua produzione tra 32,5 e 33 milioni di barili al giorno nel 2017. Sulla base delle stime dell’organizzazione si tratta di un taglio tra 240.000 e 740.000 barili al giorno rispetto agli attuali livelli. I dettagli del piano, incluse le quote con cui contribuiranno i singoli Paesi, saranno decisi alla riunione ufficiale in programma il prossimo 30 novembre a Vienna.

“Durante la prossima riunione a Vienna a fine ottobre, esamineremo di nuovo la situazione del mercato”, ha detto Boutarfa al canale televisivo algerino Ennahar. “Se 700.000 barili non sono sufficienti, sarà possibile aumentare il livello della riduzione. Il primo obiettivo dell’OPEC è un barile a 55 dollari”, ha spiegato.

Boutarfa ha indicato che l’OPEC terrà la prossima settimana discussioni informali con i principali produttori non-OPEC ai margini del Congresso Mondiale dell’Energia di Istanbul.

In particolare, la Russia ha detto di essere disposta a cooperare con l’OPEC su un congelamento della produzione. Il ministro russo dell’Energia Alexander Novak parlerà al Congresso Mondiale dell’Energia con il collega saudita Khalid al-Falih e con il segretario generale dell’OPEC Mohammed Barkindo.

Boutarfa ha osservato che la riunione di Algeri ha dimostrato che i membri del cartello sono uniti nella loro missione di stabilizzare il mercato petrolifero.

L’OPEC ha operato senza un target di produzione dallo scorso dicembre, ovvero da quando i ministri hanno cancellato, a causa delle loro divergenze, il tetto di 30 milioni di barili al giorno che era in vigore dal 2012.

Prima della riunione di Algeri, Boutarfa aveva esortato gli altri ministri a tagliare la produzione di 1 milione di barili al giorno rispetto agli attuali livelli produttivi dell’OPEC.

“L’OPEC è ora unito e parla con una sola voce, in questo modo tutto diventa facile”, ha affermato Boutarfa. “Se dobbiamo ridurre di un ulteriore 1%, lo faremo. Il primo passo è stato fatto. Abbiamo stretto un patto che ci permette di consolidare i prezzi”.

Il Brent sale attualmente all’ICE dell’1% a $52,38. Il WTI guadagna al NYMEX lo 0,8% a $50,25. Era da giugno che il greggio quotato a New York non superava quota 50 dollari al barile.

Rimani aggiornato con guide e iniziative esclusive per gli iscritti!

Telegram

Migliori Broker Trading

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
Dukascopy
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.

Le ultime news su Borsa Americana

Copia dai migliori traders

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.