Skin ADV

Petrolio: Più forte rialzo da sette mesi, si torna a scommettere su OPEC

Petrolio: Più forte rialzo da sette mesi, si torna a scommettere su OPEC
Il prezzo del petrolio ha chiuso in deciso rialzo. © Shutterstock

Il future sul WTI con scadenza dicembre ha guadagnato al NYMEX il 5,8% a 45,81 dollari al barile.

Dopo le perdite delle scorse sedute il prezzo del petrolio ha chiuso oggi in deciso rialzo. Il future sul Brent con scadenza gennaio è salito all’ICE del 5,7% a 46,95 dollari al barile. Si tratta del più alto livello dal 1 novembre. Il future sul WTI con scadenza dicembre ha guadagnato al NYMEX il 5,8% a 45,81 dollari al barile. Anche per il WTI si tratta dei massimi da due settimane. Era inoltre da sette mesi che il greggio quotato a New York non registrava un tale rally in una sola seduta.

🥇Fai trading con fiducia su CFD, Azioni, Indici, Forex e Criptovalute. Con PLUS500 hai spread stretti, zero commissioni e APP per fare trading su qualsiasi piattaforma e smartphone. ✅ Apri il tuo conto demo gratuito >>

🥇Fai trading con fiducia su CFD, Azioni, Indici, Forex e Criptovalute. Con PLUS500 hai spread stretti, zero commissioni e APP per fare trading su qualsiasi piattaforma e smartphone. ✅ Apri il tuo conto demo gratuito >>

Secondo quanto riporta “Bloomberg” i Paesi dell’OPEC avrebbero lanciato un’ultima offensiva diplomatica per raggiungere un accordo sui tagli alla produzione. La notizia ha costretto molti investitori a chiudere le loro posizioni ribassiste. Alcuni analisti hanno indicato che con l’avvicinarsi del vertice del 30 novembre i rischi per il prezzo del petrolio sono inclinati al rialzo. Commerzbank ho osservato in una nota che sull’OPEC preme una considerevole pressione per agire, visto che l’eccesso di offerta non si ridurrà da sola.

A detta delle indiscrezioni raccolte da “Bloomberg” l’iniziativa diplomatica sarebbe guidata da Algeria, Qatar e Venezuela nel tentativo di superare le divergenze tra i maggiori produttori del cartello, ovvero Arabia Saudita, Iraq e Iran. Teheran potrebbe essere disposta a congelare la sua produzione attorno ai livelli che afferma di pompare attualmente, circa 4 milioni di barili al giorno, mentre le stime dell’OPEC indicano 3,7 milioni di barili al giorno. Bagdad potrebbe da parte sua tagliare la produzione dal livello ufficiale di 4,8 milioni di barili al giorno e non dai 4,6 milioni di barili al giorno stimati dall’OPEC.

L’agenzia stampa “Reuters” riporta intanto che il ministro saudita del Petrolio, Khalid al-Falih, sarà nei prossimi giorni a Doha, capitale del Qatar, per incontrarsi con i Paesi produttori di greggio ai margini di una conferenza sull’energia.

A contribuire al rally dei prezzi del petrolio sono stati inoltre la notizia di un attacco ad un importante oleodotto in Nigeria e l’indebolimento del dollaro.

Il forte apprezzamento del greggio ha messo le ali ai titoli petroliferi. L’indice settoriale NYSE Arca Oil ha guadagnato il 2,5%, contro il +0,8% dell’S&P 500. Tra i grandi gruppi petroliferi statunitensi Exxon Mobil (US30231G1022) ha guadagnato l’1,8%, Chevron (US1667641005) il 2,2%, ConocoPhillips (US20825C1045) il 2,6% e Halliburton (US4062161017) il 3,4%.

IQOption
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
Plus500

Reagisci alla volatilità dei mercati

Il sell-off del mercato globale continua con l'evolversi di una potenziale crisi finanziaria e occasioni di acquisto/entrata sui mercati finanziari.

Non perdere la tua prossima opportunità:

Usa i nostri strumenti e caratteristiche avanzate per acquisire il controllo del tuo conto:

PROVA GRATIS