Il prezzo del petrolio rimbalza, OPEC e Russia vicine ad accordo

Dopo due sedute negative di fila il prezzo del petrolio ha chiuso oggi in rialzo. Il future sul Brent con scadenza gennaio è salito all’ICE dello 0,8% a 46,86 dollari al barile. Il future sul WTI con scadenza dicembre ha guadagnato al NYMEX lo 0,6% a 45,69 dollari al barile. Durante l’intera settimana il Brent e il WTI si sono apprezzati rispettivamente del 4,7% e del 5,3%. Il Brent era sceso in precedenza per quattro settimane di fila, il WTI per tre.

Anche l’odierna seduta è stata volatile. Nelle ultime ore di contrattazione il prezzo del petrolio è rimbalzato sull’aumento dell’aspettativa di una taglio della produzione a livello globale. Il ministro algerino dell’Energia Noureddine Boutarfa ha dichiarato di essere più ottimista sul raggiungimento di un accordo dopo le discussioni tenutesi a Doha tra i Paesi dell’OPEC e la Russia. Alexander Novak, il ministro russo dell’Energia, ha affermato da parte sua che si sta profilando un consenso e che il suo Paese sta considerando un congelamento della produzione per un periodo di sei mesi.

In precedenza i prezzi del petrolio erano scesi a causa del rally del dollaro e del forte aumento degli impianti di trivellazione negli Stati Uniti.

Il Dollar Index è balzato oggi fino a 101,48 punti. Si tratta del più alto livello da circa quattordici anni. La forza del dollaro è un fattore negativo per le materie prime denominate nel biglietto verde, come il greggio, perché le rende più care per chi possiede altre divise.

Baker Hughes (US0572241075) ha comunicato che il numero di impianti di trivellazione di greggio è aumentato negli Stati Uniti questa settimana di altre 19 unità a 471 unità. Si tratta del più forte aumento settimanale dal luglio del 2015. La notizia ha confermato che la recente ripresa dei prezzi sta spingendo il settore statunitense degli scisti a riattivare le trivelle.

La ripresa dei prezzi del petrolio ha sostenuto i titoli petroliferi. L’indice settoriale NYSE Arca Oil ha guadagnato oggi lo 0,3%, contro il -0,2% dell’S&P 500. Tra i maggiori gruppi petroliferi statunitensi, Exxon Mobil (US30231G1022) ha guadagnato lo 0,1%, Chevron (US1667641005) l’1%, ConocoPhillips (US20825C1045) il 2,6% e Halliburton (US4062161017) l’1,5%.

Migliori Broker Trading

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
Dukascopy
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Le ultime news su Borsa Americana

Inizia a fare trade con Avatrade X

Avviso di rischio - Il 67-77% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.