Petrolio, Emirati: tagli non-OPEC necessari per riequilibrare il mercato

Il piano volto a riequilibrare il mercato petrolifero funzionerà solo se la Russia e altri Paesi non-OPEC taglieranno la loro produzione. Lo ha dichiarato oggi Suhail Al Mazrouei, il ministro dell’Energia degli Emirati Arabi Uniti, uno dei principali produttori dell’OPEC.

Secondo Al Mazrouei un taglio di 1,8 milioni di barili al giorno a livello globale sarà sufficiente per riportare in equilibrio il mercato. Visto che l’OPEC ha l’intenzione di ridurre la sua produzione di 1,2 milioni di barili al giorno, ha spiegato, i Paesi che non fanno parte del cartello dovranno contribuire con 600.000 barili al giorno.

Sabato prossimo si terrà a Vienna una riunione tra i Paesi OPEC e non-OPEC. La Russia, che non ha mai tagliato volontariamente la sua produzione, avrà un ruolo chiave per assicurare che la decisione presa dall’OPEC il 30 novembre possa avere un impatto duraturo sul mercato.

I 14 membri dell’OPEC si sono accordati mercoledì scorso al vertice di Vienna per tagliare la produzione di 1,2 milioni di barili al giorno a 32,5 milioni di barili al giorno.

Se la riduzione della produzione da parte dell’OPEC non impedirà che i prezzi calino fino a 40 o 50 dollari al barile, “ci incontreremo ancora e discuteremo con i Paesi non-OPEC e prenderemo le opportune misure”, ha sottolineato Al Mazrouei.

La Russia si è impegnata a ridurre la sua produzione di 300.000 barili al giorno, e sabato i membri dell’OPEC discuteranno con il Messico e con altri produttori.

Al Mazrouei crede che i prezzi del petrolio saliranno dagli attuali livelli se i produttori non-OPEC accetteranno di tagliare la produzione e che sei mesi di minore offerta saranno sufficienti a riequilibrare il mercato.

Al Mazrouei ha osservato che un livello di prezzo “ragionevole” sarebbe per le compagnie un incentivo ad investire nell’esplorazione e nella produzione per garantire le future forniture.

Il future sul Brent con scadenza febbraio perde al momento l’1,2% a 53,24 dollari al barile. Il future sul WTI con scadenza gennaio scende dell’1,2% a 50,30 dollari al barile.

Rimani aggiornato con guide e iniziative esclusive per gli iscritti!

Telegram

Migliori Broker Trading

Deposito minimo 50$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100€
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100$
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari
* Avviso di rischio

Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.

Le ultime news su Borsa Americana Oggi in Tempo Reale - Wall Street

Copia dai migliori traders

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.